Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Nuovi dispositivi per respingere la zanzara della malaria

Un’iniziativa UE ha sostenuto lo sviluppo del toolkit più completo fino ad oggi per il controllo della famigerata zanzara della malaria.
Nuovi dispositivi per respingere la zanzara della malaria
La malaria infetta 300 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno. Si tratta di un’enorme minaccia per la salute pubblica e di un onere economico, in particolare nelle società povere di risorse. Il progetto MCD (A low cost mosquito contamination device for sustainable malaria mosquito control), finanziato dall’UE, ha voluto sviluppare dispositivi per la contaminazione da zanzare (MCD) a basso costo per aiutare ad affrontare i problemi degli attuali strumenti di controllo delle zanzare, che sono inefficaci a causa della resistenza chimica.

Per attirare e uccidere le zanzare della malaria, i partner del progetto hanno sviluppato tre MCD prototipo: il tubo Eave, lo Smart Patch e il dispositivo esterno. I tubi Eave sfruttano l’abitudine delle zanzare africane della malaria di entrare nelle case attraverso un gronda, il passaggio tra il tetto e le pareti. Un flusso d’aria passa attraverso il tubo, che attrae le zanzare con gli odori umani dall’interno della casa. Le zanzare sono bloccate e uccise da un inserto in rete trattato con speciali insetticidi in polvere quando cercano di entrare in casa attraverso il tubo.

Il secondo MCD consiste in un patch a rete trattato con insetticida che può essere collocato strategicamente in cima a una zanzariera. Le zanzare della malaria hanno la tendenza a spingersi verso il punto più alto di una zanzariera direttamente sopra il torso e la testa dei dormienti. Lo Smart Patch consente un’applicazione sicura e mirata di nuove sostanze chimiche per uccidere i vettori della malaria resistenti.

Gli MCD esterni sono piccoli dispositivi portatili che possono essere posizionati vicino alle case o alle stalle, per trarre vantaggio dagli odori emessi da tali fonti. Essi riducono al minimo l’esposizione umana alle punture delle zanzare all’aperto.

I risultati complessivi sono incoraggianti. La copertura dei tubi Eave ha raggiunto il 79 % nel Mngeta nel sud della Tanzania, dove quasi 10 000 abitanti sono stati protetti dalle zanzare della malaria. Essi forniscono un intervento a basso costo ed efficace che può essere integrato in programmi di controllo dei vettori della malaria. Gli Smart Patch sono promettenti come strumento economico, migliorando i tassi di uccisione delle zanzare del 50 %, con minime quantità di insetticida. La ricerca sugli MCD all’aperto mostra che dispositivi autonomi che non richiedono energia elettrica sono in grado di attrarre e uccidere le zanzare della malaria con successo.

Le tecnologie a basso costo e di facile utilizzo di MCD sono un complemento efficace degli attuali strumenti di controllo dei vettori. Possono anche essere impiegati in zone dove non sono ancora disponibili sorgenti di alimentazione o grandi infrastrutture per affrontare i gravi problemi di salute umana causati dalla malaria.

Informazioni correlate

Keywords

Zanzara della malaria, MCD, dispositivo per la contaminazione da zanzare, controllo delle zanzare