Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

DOS-PEPTIDOMIMETICS — Risultato in breve

Project ID: 626191
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Regno Unito
Dominio: Salute, Ricerca di base

Un nuovo approccio sintetico per la scoperta di farmaci

I ricercatori europei hanno sviluppato un innovativo approccio di sintesi chimica al fine di generare una libreria di diverse piccole molecole. I risultati vantano il potenziale di generare nuovi farmaci contro i bersagli di malattie difficili.
Un nuovo approccio sintetico per la scoperta di farmaci
Per anni, gli approcci guidati dalla farmacologia hanno comportato l’analisi di piccole molecole che agiscono su specifici bersagli cellulari. Tuttavia, gli avvenimenti in ambito di tecnologia genomica hanno guidato azioni di individuazione dei farmaci tramite la progettazione di prodotti farmaceutici per bersagli noti, correlati alle malattie.

Ciò ha creato numerose sfide, dal momento che non tutti i bersagli biologici sono trattabili. I bersagli che non vengono colpiti dai farmaci comprendono solitamente i non-enzimi, la cui funzione si basa sull’interazione proteina-proteina e non sui ligandi. Di conseguenza, è difficile progettare inibitori e prevedere l’esito dell’interruzione relativa alla relazione tra funzione e struttura.

Per risolvere questo problema, sono necessarie librerie di piccole molecole con alti livelli di diversità dello scaffold. Verso questo obiettivo, gli scienziati del progetto DOS-PEPTIDOMIMETICS (Diversity-oriented synthesis of conformationally constrained peptidomimetics), finanziato dall’UE, hanno sviluppato un nuovo approccio sintetico che mira a generare una libreria di composti altamente diversificati. Il loro approccio orientato alla diversità in fatto di sintesi (DOS, diversity-oriented synthesis) ha utilizzato l’estere amminico a-metile-a-propargile come punto di partenza per generare una libreria di 40 nuove molecole dotate di uno stereocentro quaternario. Queste piccole molecole complesse si sono presentate come strutturalmente diverse, con una maggiore rilevanza biologica.

I ricercatori hanno lavorato sotto l’ipotesi che la forma complessiva di una molecola e le relative proprietà sono i fattori fondamentali che ne controllano gli effetti biologici. A questo scopo, è stato realizzato un alto grado di diversità strutturale e complessità molecolare, con successiva convalida mediante analisi computazionali. Ciò ha portato alla generazione di nuove molecole biologicamente attive che potrebbero essere sfruttate per lo screening antibatterico, antitumorale o fenotipico.

Il passo successivo sarebbe quello di studiare un approccio in silico multi-target predittivo per identificare potenziali soluzioni contro un’ampia varietà di bersagli biologici noti. Inoltre, l’espansione della strategia sintetica dovrebbe includere ulteriori modifiche degli scaffold e un miglioramento della diversità molecolare esistente.

Nel complesso, si attende che l’approccio del progetto DOS-PEPTIDOMIMETICS offra ai candidati clinici dei migliori profili fisico-chimici, migliorando le relative possibilità di ingresso nel mercato come farmaci. Oltre alle ovvie implicazioni sanitarie, il progetto rafforzerà la competitività europea nel settore dell’industria farmaceutica.

Informazioni correlate

Keywords

Scoperta di nuovi farmaci, scaffold, DOS-PEPTIDOMIMETICS, sintesi orientata alla diversità, estere amminico a-metile-a-propargile