Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

SECONDARY CITIES-EU — Risultato in breve

Project ID: 304007
Finanziato nell'ambito di: FP7-PEOPLE
Paese: Turchia
Dominio: Società, Ricerca di base, Industria

Il percorso di adesione all’UE della Turchia e il suo effetto sullo sviluppo industriale regionale

Un’iniziativa UE ha affrontato il modo in cui il processo di adesione della Turchia a partire dalla metà degli anni Novanta ha dato forma alla distribuzione regionale delle sue industrie manifatturiere.
Il percorso di adesione all’UE della Turchia e il suo effetto sullo sviluppo industriale regionale
Il progetto SECONDARY CITIES-EU (Secondary cities of Europe: The case of regional industrial development in Turkey), finanziato dall’UE, ha voluto esplorare il collegamento tra l’adesione all’UE della Turchia e la trasformazione industriale in Europa. L’attenzione è stata posta su tre città che hanno sperimentato la massiccia crescita industriale durante questo periodo: Denizli, Gaziantep e Kayseri.

I partner del progetto sono partiti da interviste a rappresentanti delle agenzie del governo, valutando i principali documenti strategici e fornendo l’analisi del contenuto. Hanno poi intervistato i rappresentanti delle camere dell’industria, delle agenzie per lo sviluppo regionale, dell’ufficio del governatore e dei comuni in tre città. Ciò è stato fatto per raccogliere dati circa le strutture industriali in ogni città.

I ricercatori hanno inoltre condotto interviste con i rappresentanti delle più grandi aziende industriali e delle loro società sussidiarie in queste città. In totale, 142 intervistati hanno fornito informazioni sul commercio, sulla produzione e sulle procedure di lavoro di tali imprese.

Sulla base dei risultati, sono emersi tre fattori chiave per le performance industriali superiori delle città. In primo luogo, il loro background industriale ha fornito loro particolari vantaggi in materia di risorse umane e infrastrutture. Queste città possedevano importanti stabilimenti industriali prima degli anni Ottanta, compresi impianti tessili, raffinerie di zucchero e fabbriche di cemento. In secondo luogo, godevano di alcuni vantaggi a causa della posizione. Infine, la migrazione dalle campagne alle città dopo gli anni Ottanta ha aiutato una nuova classe di imprenditori ad espandere la base industriale delle città.

Nell’ultimo decennio, le città hanno assunto tre nuovi ruoli all’interno delle relazioni industriali globali. La produzione intensiva di energia è fiorita dopo la crisi del 2008, i settori ad alta intensità di capitale sono cresciuti più velocemente rispetto a quelli ad alta intensità di manodopera e i settori ad alta intensità di manodopera sono cresciuti attraverso un’integrazione verticale. Questi sviluppi hanno portato a tensioni all’interno delle catene di fornitura locali.

I risultati sono stati pubblicati in una monografia, quattro articoli specializzati, sette capitoli di libri e tre rapporti di ricerca. I risultati sono stati anche presentati in occasione di varie conferenze, workshop e seminari ad invito.

Il team di SECONDARY CITIES-EU ha fatto progredire la valutazione degli orientamenti delle politiche industriali della Turchia, delle dinamiche industriali e urbane delle sue tre fiorenti città e delle pratiche commerciali e di produzione delle loro più grandi imprese manifatturiere.

Informazioni correlate

Keywords

Turchia, sviluppo industriale regionale, produzione, SECONDARY CITIES-EU