Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

ERC

WSCWTBDS — Risultato in breve

Project ID: 269440
Finanziato nell'ambito di: FP7-IDEAS-ERC
Paese: Regno Unito
Dominio: Società

La riforma dello stato sociale basata sulla ricerca

Studiando come lo stato sociale influenza il comportamento delle famiglie, il progetto WSCWTBDS, finanziato dall’UE, sta aiutando i governi a riformare i loro programmi fiscali e distributivi.
La riforma dello stato sociale basata sulla ricerca
In Europa, gran parte dell’attività di governo è legata allo stato sociale – imposte personali, indennità di disoccupazione, assicurazioni invalidità, pensioni pubbliche, ecc. Gli effetti dello stato sociale sono più complessi di quanto si possa pensare. Ad esempio, le imposte sul reddito e l’erogazione di prestazioni di disoccupazione riducono l’incentivo di cercare e mantenere un lavoro. In altri termini, chi lavora paga le tasse e chi non lavora riceve benefici – perché allora mettersi a lavorare?

Al tempo stesso, il valore dello stato sociale per i cittadini è notevole. Del resto, è grazie allo stato sociale che possiamo contare sull’assistenza finanziaria durante la vecchiaia.

Il problema per i responsabili delle politiche europei è quello di creare un equilibrio tra costi e benefici, proprio ciò che ha cercato di fare il progetto WSCWTBDS, finanziato dall’UE. “Il nostro obiettivo era di fornire sia prove teoriche che pratiche su come lo stato sociale influenza il comportamento delle famiglie e su come i governi dovrebbero concepire i programmi tributari e distributivi,” dice Guy Laroque, ricercatore capo di WSCWTBDS.

Il lavoro teorico del progetto ha riguardato la progettazione di aspetti specifici dello stato sociale, come ad esempio la valutazione del diritto alle prestazioni. “Durante l’attuazione dei loro obiettivi di ridistribuzione, i governi quasi sempre sospendono le tasse e la ridistribuzione è fortemente condizionata dalle caratteristiche familiari,” spiega Laroque. “Ci interessava capire se i trasferimenti a caso potevano migliorare i risultati e fornire le condizioni necessarie per effettuare erogazioni casuali dei diritti socialmente utili.”

Laroque ha scoperto che, affinché un tale sistema di trasferimento casuale possa funzionare, i potenziali beneficiari devono essere meno esposti ai rischi rispetto al resto della popolazione.

Per quanto riguarda l’aspetto pratico del progetto, i ricercatori hanno affrontato questioni relative alla comprensione dei motivi per cui le persone prendono determinate decisioni rispetto a occupazione e risparmi. “Ciò può aiutarci a capire come le persone risponderebbero ai cambiamenti nelle politiche fiscali e distributive,” dice Laroque.

Il progetto ha sviluppato un ampio sistema di offerta di lavoro per individuare perché le persone lavorano un determinato numero di ore. Tale modello separa il numero di ore che una persona vorrebbe lavorare, dal numero di ore che il datore di lavoro gli permette di lavorare. “Il modello mostra, ad esempio, che le donne che pongono vincoli sul numero di ore che possono lavorare, hanno alte probabilità di appartenere a famiglie molto più pover della media e lavorano meno ore,” spiega Laroque.

I ricercatori hanno anche scoperto che il livello di pazienza di una persona incide sui suoi risparmi. “Più una persona è paziente, più probabilità avrà di creare un risparmio finanziario per proteggerlo contro i rischi della vita,” dice Laroque. “Questo a sua volta incide su come una persona risponderà a certi aspetti delle politiche governative in materia di imposte e distribuzione, di cui i responsabili delle politiche dovranno tenere conto quando concepiscono nuovi programmi.”

Keywords

WSCWTBDS, stato sociale, imposte, pensioni, diritti