Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Centri commerciali: modelli per soluzioni di riqualificazione energetica

I centri commerciali sono anche spazi ricreativi e di intrattenimento e devono essere esteticamente attraenti, funzionali e confortevoli, senza rinunciare alle esigenze di costruzione degli interi edifici. Ricercatori, professionisti e produttori dell'UE hanno promosso il potenziale per trasformare questi centri in fari di architetture e sistemi efficienti dal punto di vista energetico.
Centri commerciali: modelli per soluzioni di riqualificazione energetica
«Essendo il tipo di edificio con il più elevato tasso di rinnovamento e grazie alla loro costante modernizzazione, i centri commerciali offrono le migliori opportunità per eseguire una riqualificazione energetica profonda», spiega Roberto Lollini, coordinatore del progetto COMMONENERGY. L'iniziativa ha sviluppato diverse soluzioni, con risultati incoraggianti per le persone e l'ambiente, nonché costi gestionali e di esercizio efficaci.

Per cominciare, i partner del progetto hanno effettuato un'analisi delle scorte dei centri commerciali dell'UE per poi individuare le principali inefficienze in termini di energia, comfort, operazioni e logistica. In seguito, hanno definito i tipici modelli funzionali dei centri commerciali come «l'influenza delle parti interessate (proprietari/dirigenti, locatari, clienti) sulle cifre energetiche e la loro interazione con il contesto sociale», osserva Lollini.

Soluzioni e supporto per la riqualificazione profonda

COMMONENERGY ha condotto analisi per determinare gli incentivi di riqualificazione che risultano più promettenti dal punto di vista dei costi e dei benefici. Per tutto il tempo, il team del progetto ha inoltre considerato gli obiettivi di sostenibilità correlati che hanno un impatto su tutta la linea. Come sottolinea Lollini: «non solo per la gestione delle strutture e i costi di esercizio, ma anche per l'esperienza del cliente, fondamentale per i rivenditori».

Lavorando, analizzando e testando sistemi nuovi ed esistenti, il progetto ha introdotto tecnologie innovative per migliorare il comfort interno, raccogliere le fonti naturali e ridurre il fabbisogno energetico di questi edifici. Uno specifico progresso è un sistema modulare multifunzionale per facciate adattivo al clima, per il quale è in corso la valutazione di un prototipo avanzato in strutture di collaudo esterne.

Un secondo sviluppo è l’integrazione della vegetazione nell’involucro edilizio. Ciò ha comportato l'analisi della sensibilità delle prestazioni della "parete verde" per valutare l'impatto della vegetazione sulla trasmissione del calore attraverso la facciata. Infine, COMMONENERGY si è fatto strada con materiali di rivestimento intelligenti multifunzionali, scegliendo quattro formulazioni efficaci per l'integrazione con la vernice di base.

Comodo e leggero - per gli occhi e le tasche

Sono stati sviluppati due concetti per ottimizzare l'illuminazione naturale per le aree comuni del centro commerciale: un tetto modulare e un tubo luminoso cilindrico con materiale altamente riflettente che collega gli ambienti interni ed esterni. Per migliorare l'acustica interna, il progetto ha accoppiato un innovativo strato con una superficie simile a una parete a un pannello isolante termico, consentendo sia la diffrazione sia l'assorbimento delle onde sonore.

Sono state sviluppate soluzioni innovative per quanto riguarda l'architettura generale, strategie di controllo e l'uso di refrigeranti naturali per la generazione e la distribuzione di energia nei centri commerciali. «Per migliorare i sistemi di illuminazione artificiale, abbiamo sviluppato concetti specifici adatti ai centri commerciali, partendo da requisiti peculiari identificati per migliorare l'ambiente interno fino a strategie di controllo dedicate, affrontando le esigenze dei gestori e dei locatari dei centri commerciali», osserva Lollini.

I centri commerciali pilota hanno dimostrato miglioramenti e risparmi energetici quando si utilizzano soluzioni individuali o combinate di COMMONENERGY. Esempi sono il Mercado del Val (Valladolid, Spagna), con un risparmio elettrico di circa il 75 %, e COOP Canaletto (Modena), con un consumo totale di energia primaria ridotto del 46 %. «[Qui] sono state analizzate le prestazioni dell'intero edificio confrontando l'edificio prima e dopo la riqualificazione con l'approccio COMMONENERGY», afferma Lollini. Un altro esempio è il centro commerciale CitySyd (Trondheim, Norvegia), in cui sono state valutate le prestazioni di aree dimostrative selezionate confrontando le singole soluzioni COMMONENERGY con i sistemi convenzionali installati prima della riqualificazione.

Centri commerciali all'avanguardia nel settore della riqualificazione per il risparmio energetico

COMMONENERGY ha prodotto una relazione sugli scenari e ha sviluppato uno strumento Web interattivo che include cifre sul fabbisogno energetico e sulla diffusione di attività di rinnovamento nei centri commerciali nell'UE e in Norvegia. «Il mappatore di dati è uno strumento online, che rappresenta un accesso rapido, semplice e su misura a indicatori nazionali e comparativi internazionali sul parco immobiliare commerciale», conclude Lollini.

I progressi del progetto assicurano che i centri commerciali possano combinare un'eccellente architettura per attirare i clienti con un'elevata qualità dell'aria interna, il tutto utilizzando al contempo fonti rinnovabili nella massima misura possibile.

Keywords

COMMONENERGY, centri commerciali, riqualificazione profonda, risparmio energetico, integrazione efficiente del sistema