Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

GLDAFRICA — Risultato in breve

Project ID: 659152
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.1.3.2.
Paese: Regno Unito
Dominio: Ricerca di base, Cambiamento climatico e Ambiente

Piante forestali ai margini dell’esistenza nell’Africa tropicale

L’Africa centro-occidentale vanta la più grande ricchezza di biodiversità dell’Africa tropicale. Questa stessa area si trova inoltre ad affrontare non solo le sfide del cambiamento climatico, ma anche uno dei più alti tassi di crescita della popolazione umana nel mondo.
Piante forestali ai margini dell’esistenza nell’Africa tropicale
Le foreste pluviali tropicali sono uno degli habitat biologicamente più diversificati del pianeta, ma la descrizione della flora e della fauna e la comprensione della loro storia evolutiva sono tutt’altro che complete. Poiché rappresentano una fonte di risorse sostenibili, che comprendono potenziali farmaci, alimenti e legname, vi è una crescente necessità di valutare i cambiamenti globali della biodiversità.

Il progetto GLDAFRICA ha scelto di studiare una sottofamiglia delle leguminose, le Detarioideae, per indagare sugli schemi geografici della ricchezza delle specie. «Tramite un sequenziamento di ultima generazione, vogliamo identificare i punti critici della diversità evolutiva e gli eventi di speciazione recenti nell’Africa centro occidentale», sottolinea il dott. Felix Forest, coordinatore del progetto.

Costruire i rami per arrivare all’albero

Estrapolando sequenze di DNA appropriate da alcuni marcatori plastidici, il gruppo di ricerca ha utilizzato metodi standard per ricostruire le relazioni evolutive o filogenetiche tra i membri del gruppo. «Abbiamo quindi utilizzato l’albero risultante per studiare i modelli biogeografici e gli spostamenti del bioma all’interno della sottofamiglia», continua il dott. Forest. I biomi hanno una gamma più ampia rispetto all’habitat, essendo comunità che si sono adattate in risposta a un clima fisico condiviso.

Il passo successivo è stato quello di raccogliere molti più dati sulle sequenze del DNA, che dovrebbero portare a un albero filogenetico più dettagliato. Il collega del progetto GLDAFRICA, il dott. Manuel de la Estrella, ha sviluppato un approccio di arricchimento mirato che porta a un albero meglio risolto con relazioni evolutive più dettagliate. «Il risultato è stato che abbiamo potuto sequenziare alcune centinaia di marker dal nucleo. Le analisi sono in corso e il nuovo albero è atteso entro i prossimi mesi», ci ha informato il dott. Forest.

Un risultato chiave finora è che il lavoro è stato utilizzato come prova per una nuova classificazione nella sottofamiglia delle leguminose. «La tribù delle Detarieae è stata recentemente aggiornata a livello di sottofamiglia ed è ora denominata sottofamiglia Detarioideae», spiega il dott. Forest. «Ulteriori analisi cambieranno molto probabilmente il modo in cui noi vediamo l’evoluzione di questo importante gruppo di piante dell’Africa occidentale».

Guardando alla futura valutazione della conservazione e alle minacce alle specie

Le valutazioni di conservazione dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) rappresentano un altro prodotto finale e «queste saranno utilizzate per produrre una lista EDGE [Evolutionarily Distinct and Globally Endangered] delle specie distinte più minacciate ed evolutive nel gruppo Detarioideae», sostiene il dott. Forest.

L’uso dei dati può essere esteso alle previsioni su dove le specie finiranno nell’albero in diversi scenari di cambiamento climatico. «Quando tutto il lavoro di vanga è stato fatto, useremo la modellazione delle specie e le previsioni del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico per esaminare il destino delle specie in futuro».

La quantità di dati prodotta è di molto superiore a quanto inizialmente previsto per il progetto e il gruppo di ricerca sta ancora lavorando all’analisi per i risultati finali e la pubblicazione. Sono già stati pubblicati due articoli sull’evoluzione delle Detarioideae, uno in New Phytologist e l’altro su International Journal of Plant Sciences.

«GLDAFRICA si è focalizzata sulla sottofamiglia Detarioideae dell’Africa occidentale. Il passo successivo prevede l’espansione di questo studio alle specie neotropicali. Abbiamo già ottenuto alcuni fondi pilota per esplorarne la fattibilità e la cosa appare davvero promettente», conclude il dott. Forest.

L’albero filogenetico prodotto dalla ricerca GLDAFRICA sarà il più completo per un così ampio gruppo di leguminose. Data l’importanza economica-ambientale di questo gruppo nelle foreste pluviali dell’Africa occidentale, questo studio servirà come base per molti altri studi evolutivi che esamineranno l’evoluzione e l’ecologia di questi incredibili ecosistemi.

Keywords

GLDAFRICA, foresta, evoluzione, Detarioideae, diversità, leguminose, Africa centro occidentale, albero filogenetico