Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

BASE-platform — Risultato in breve

Project ID: 687323
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.1.6.
Paese: Germania
Dominio: Risorse acquatiche, Energia, Tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Nuova piattaforma per scandagliare le profondità del mare

Un progetto finanziato dall’UE ha creato con successo una nuova piattaforma internet facilmente accessibile per fornire prodotti batimetrici ricavati dalle attuali e dalle imminenti missioni Copernicus e da altre missioni satellitari.
Nuova piattaforma per scandagliare le profondità del mare
La batimetria è la misura della profondità dell’acqua, l’equivalente subacqueo della topografia. Proprio come le mappe topografiche rappresentano l'altitudine della superficie terrestre in differenti punti geografici, le mappe batimetriche rappresentano la profondità del mare in funzione delle coordinate geografiche. Dati batimetrici aggiornati sono fondamentali per creare prodotti per la navigazione quali ad esempio le carte nautiche, che facilitano la navigazione sicura ed efficiente delle navi. Inoltre, la batimetria è alla base di praticamente qualsiasi altra attività associata con il mare, incluse costruzioni portuali e offshore, difesa e sicurezza marittime, gestione delle zone costiere, pesca, crociere e turismo.

Il progetto BASE-platform, finanziato dall’UE, ha affrontato la carenza di dati batimetrici disponibili aggiornati e ad alta risoluzione in molte zone del mondo. Grazie al crescente numero di satelliti per l’osservazione della Terra, proprio come la flotta Sentinel dell’ESA, i dati delle immagini oceaniche sono adesso ampiamente disponibili. L’aspirazione di BASE-platform era quella di utilizzare questi dati satellitari per creare mappe batimetriche e fornirle agli utenti finali.

Dati batimetrici armonizzati

Partner provenienti da cinque differenti paesi hanno messo insieme le loro competenze al fine di creare una piattaforma commerciale avanzata per un’ampia gamma di utenti, che ricava le immagini da più tecnologie di telerilevamento per creare prodotti batimetrici. Queste includono satelliti ottici, radar ad apertura sintetica e altimetri satellitari, dove ogni tecnologia si applica a un differente intervallo di profondità. Ulteriori dati sono raccolti da misurazioni effettuate da soggetti esterni con ecoscandagli installati su un grande numero di navi e imbarcazioni.

Se in precedenza tutte queste tecnologie sono state utilizzate separatamente, BASE-platform è riuscito invece a perfezionare metodi e strumenti per unire queste fonti di dati, consentendo così un’ampia copertura dei dati e un’alta precisione. «Nell’ambito del progetto, i procedimenti attuali per la generazione di dati sono stati automatizzati in modo da diventare parte di una catena di elaborazione che richiede un intervento umano minimo. Il portale dei dati BASE-platform è un prodotto batimetrico efficiente in termini di costi che fornisce dati ad alta risoluzione,» spiega il dottor Stefan Wiehle. I dati sono stati inoltre integrati con la modellazione delle maree per ridurre le profondità allo zero idrografico locale.

Esplorare in profondità i mari

Si ritiene che finora sia stata adeguatamente misurata meno della metà delle acque costiere, rispetto agli standard moderni o non sia stata misurata affatto. Il quadro peggiora quando si considera che l’80 % degli oceani rimane ancora inesplorato, e c’è moltissimo che non sappiamo riguardo ad essi. «In effetti sappiamo molte più cose sulla superficie della Luna che non sulle profondità dei nostro oceani,» fa notare il dottor Wiehle.

Le profondità del mare erano già misurate dagli antichi greci e romani, ma le carte batimetriche hanno iniziato ad essere prodotte più diffusamente dalla metà del XIX secolo in poi. Durante questo periodo, metodi e apparecchiature per le misurazioni in profondità si sono evoluti enormemente, dallo scandagliamento della profondità con sonda in piombo ai moderni sonar multifascio. Tuttavia, «a seconda della fonte, i dati batimetrici possono avere poco valore per gli utenti, dal momento che hanno una bassa risoluzione e alcune profondità potrebbero essere state calcolate con interpolazione, o possono essere troppo costosi da ottenere,» spiega il dottor Wiehle.

BASE-platform mira a fornire all’industria marittima e ad altri settori dati batimetrici accurati a costi notevolmente inferiori rispetto ai dati provenienti dai rilievi multifascio. Il nuovo portale dei dati batimetrici fornisce dati di alta precisione a livello globale, coprendo l’intera gamma di profondità marine ed è ideale per la prospezione di giacimenti di petrolio e gas, pesca o ingegneria costiera. Un notevole risultato ottenuto è che dati batimetrici ottici derivati da satellite sono già stati inclusi nelle carte nautiche ufficiali.

Keywords

BASE-platform, dati batimetrici, profondità mare, prodotti batimetrici, oceano, satelliti, portale, osservazione della Terra