Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Decontaminazione di antrace mediante un attacco batterico mirato

La contaminazione da antrace interessa vaste aree, poiché le spore possono sopravvivere nel suolo per oltre 100 anni. Un nuovo approccio alla decontaminazione sfrutta alcuni virus specializzati per creare un’alternativa pulita, semplice ed economica a soluzioni chimiche caustiche.
Decontaminazione di antrace mediante un attacco batterico mirato
Una mancanza di strutture veterinarie efficaci e di accesso a vaccini, oltre alla sepoltura di animali infetti non trattati hanno prodotto una contaminazione da antrace (Bacillus anthracis) in vaste aree. Questa contaminazione persiste, in quanto le spore possono sopravvivere nel suolo per centinaia di anni. Il progetto AEDNet, finanziato dall’UE, ha colto la sfida della decontaminazione utilizzando una combinazione specializzata di virus.

I fagi, o batteriofagi, per citare il nome completo, sono virus che attaccano solo batteri. Questi microorganismi vengono già impiegati per trattare varie malattie, ma AEDNet li sta utilizzando in un modo nuovo. «L’idea di impiegarli per affrontare il problema nell’ambiente è recente», ha spiegato il coordinatore del progetto Les Baillie, dell’Università di Cardiff, College of Biomedical and Life Sciences. «Mentre alcuni prodotti basati su questo principio sono già disponibili sul mercato, la decontaminazione di antrace è un’applicazione nuova».

Gli integratori dietetici non sono così salutari per le spore di antrace

Allo stato dormiente, le spore di antrace sono inattaccabili. Per renderle vulnerabili agli attacchi dei fagi, devono essere risvegliate. Riportando le spore alla forma biologicamente attiva, i ricercatori sono riusciti a trasformare l’antrace da spora a batterio vegetativo, rendendolo così vulnerabile ai fagi.

Il cambiamento da spore a batteri viene avviato in presenza di un’immediata abbondanza di sostanze nutritive. «Abbiamo sviluppato un semplice approccio utilizzando sostanze chimiche che si trovano in un qualsiasi negozio di articoli generici», spiega il Prof Baillie. «Praticamente, si tratta di integratori dietetici».

La soluzione è convincente: attualmente i sistemi di decontaminazione possono finire per contaminare l’ambiente che stanno trattando. «Al momento, non esistono approcci economici e sicuri per l’ambiente. Tutti hanno basi chimiche estremamente caustiche che possono provocare enormi danni all’ambiente», continua lo scienziato. I fagi utilizzati sono molto specifici, perché infettano solo i batteri bersaglio.

Ricerca a doppia utilità

Il lavoro svolto da AEDNet è un buon esempio di scienza a doppia utilità. «Stiamo esplorando un problema che incide principalmente sulla sussistenza di agricoltori all’estero, per aiutarli ad affrontare un problema agricolo ed economico concreto. Ma stiamo anche sviluppando una soluzione di potenziale utilità nell’UE, nel caso di un attacco terroristico su ampia scala mediante lettere anonime contenenti antrace, come quello verificatosi negli Stati Uniti nel 2001, poco dopo l’11 settembre».

La ricerca efficace si basa su semplici canali di comunicazione con altri ricercatori che lavorano nello stesso campo. Mentre esistono vari progetti di decontaminazione di antrace basati sui fagi nella regione, prima del progetto non esisteva alcuna rete scientifica dedicata per facilitare la condivisione di migliori prassi e connettere i ricercatori di paesi limitrofi che affrontavano simili problemi. AEDNet ha collegato questi progetti per ottimizzare gli investimenti attuali e offrire un sistema di decontaminazione ecocompatibile.

Assieme ad alcune istituzioni di quattro Stati membri dell’UE, AEDnet coinvolge collaboratori in Georgia, Turchia e Ucraina, dove l’antrace nell’ambiente rimane una minaccia. Nel febbraio 2017, circa 50 scienziati dalle istituzioni partecipanti avevano beneficiato dell’opportunità di condurre ricerca presso uno degli altri laboratori coinvolti nel progetto.

Il Prof Baillie spiega che i collaboratori del progetto sono interessati a lavorare con potenziali partner industriali che potrebbero produrre kit di decontaminazione basati sulle loro scoperte. Poiché gli ingredienti non sono né costosi né complessi, egli spera che la soluzione venga offerta a un prezzo accessibile agli agricoltori e alle autorità locali.

Argomenti

Life Sciences

Keywords

AEDNet, salute, medicina, antrace, agricoltura, decontaminazione, guerra a base di germi, guerra biologica, sicurezza