Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

Story Maker — Risultato in breve

Project ID: 774228
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.1.1.
H2020-EU.2.3.1.
Paese: Belgio
Dominio: Economia digitale

Story Maker trasforma i bambini in animatori 3D

Non è un segreto che i bambini adorano i cartoni animati. Il successo commerciale di importanti studi di produzione come DreamWorks o Pixar ne è la testimonianza. Adesso immaginatevi un balzo tecnologico che consenta agli stessi bambini di produrre i loro film di animazione senza il bisogno di nessuna formazione tecnica. Questo è il sogno che Wonder Media ha perseguito nell’ambito del progetto STORY MAKER.
Story Maker trasforma i bambini in animatori 3D
Wonder Media è nato cinque anni fa da un incontro inaspettato. Terry Thoren, un produttore americano noto principalmente per il suo ruolo nella creazione dei film «I Rugrats» o la produzione de «I Simpson», ha incrociato Rudy Verbeeck, un rinomato pioniere belga dei software per le immagini tridimensionali generate mediante computer (3D CGI, tridimensional computer-generated imagery). Insieme, hanno creato Animation Now, un software brevettato in grado di creare un’animazione 3D di alta qualità in tempo reale.

A partire dalla sua creazione, Wonder Media ha ottenuto un crescente successo, in particolare in America del Nord. «Il profilo di un cliente tipico per Animation Now sarebbe quello di un produttore indipendente che vuole produrre format allettanti per canali televisivi per bambini o persino per un pubblico di adulti. Per esempio, stiamo attualmente lavorando a una produzione per una grande società di produzione canadese specializzata in commedia e satira in forma breve, dove usiamo ogni genere di personaggi animati in un nuovo programma che abbiamo progettato congiuntamente», afferma Herman Spliethoff, socio amministratore alla Wonder Media.

Il software rende possibile un processo di creazione dell’animazione più veloce ed economico di qualsiasi alternativa esistente, ed è stato in parte costruito attorno alla visione dei fondatori che l’animazione sia uno strumento educativo potenzialmente forte, ma non sfruttato appieno. Tra i più importanti risultati dell’impresa figurano Habits of Mind, una serie animata sulle abitudini mentali che aiuta i bambini a risolvere problemi, e Wondergrove Learn, una lista di 250 cartoni animati di formazione che mirano a insegnare abilità sociali ai bambini piccoli.

Ma questo non era abbastanza. Wonder Media, proponendo i suoi servizi alle scuole, ha presto scoperto che gli insegnanti erano in realtà interessati a coinvolgere gli alunni nel processo di creazione dei cartoni animati, come parte del loro piano di studi. «La creazione di cartoni animati è un processo creativo e collaborativo. I bambini devono leggere informazioni sull’argomento, creare dei bozzetti, scrivere i dialoghi e lavorare in piccoli gruppi per risolvere i problemi», sostiene Spliethoff.

Mentre questa non era un’opzione con il precedente software di animazione eccessivamente complesso, Animation Now poteva essere proprio lo strumento di cui avevano bisogno, a condizione che Wonder Media si potesse adattare a questo nuovo scopo. «Il software originale non era stato creato per scopi educativi, quindi sapevamo che mancavano alcune cose. Ci hanno detto che i nostro obiettivi erano compatibili con le priorità politiche definite dall’UE per il suo strumento per le PMI, quindi abbiamo provato a ottenerlo», ricorda Spliethoff.

Lo studio di fattibilità ha aiutato a identificare otto questioni da affrontare, la prima delle quali era la necessità di una soluzione multi piattaforma. «Animation Now funziona solo su Windows 10, mentre i soggetti interessati nel campo dell’istruzione vogliono una soluzione multi piattaforma o basata sul web. Questo è davvero uno dei risultati più interessanti dello studio di fattibilità, perché le persone hanno anche manifestato l’esigenza di una restituzione grafica 3D di alta qualità in tempo reale», spiega Spliethoff.

Anche se è comprensibile (le aspettative del grande pubblico in relazione alla qualità della restituzione grafica 3D sono aumentate con la maggiore qualità delle produzioni di film e videogiochi), quest’ultimo requisito è in apparenza incompatibile con quello di una soluzione multi piattaforma o basata sul web, dal momento che la restituzione grafica 3D basata sul web in tempo reale è notoriamente difficile.

Per risolvere questo problema, la squadra di Wonder Media team ha iniziato a esaminare tutti i tipi di motori di restituzione grafica disponibili sul mercato. Alla fine, ha trovato una soluzione software molto innovativa con un nuova architettura di sistema che può essere facilmente collegata alla rete della scuola.

Se dovesse ottenere il finanziamento della fase 2 (la domanda era stata appena presentata mentre scrivevamo queste righe), la squadra dovrà ancora superare altri problemi. Questi includono il bisogno di una nuova versione di Animation Now che sia facile da installare e gestire; un’interfaccia adattabile a differenti lingue; un’esperienza d’uso più intuitiva e integrata; strumenti di supporto per gestire i progetti in classe; e un archivio di contenuti che soddisfi gruppi di età differenti, dai 3 ai 15 anni.

«Se tutto va bene, ci piacerebbe anche condurre due progetti pilota in Estonia e Danimarca, due paesi che si è scoperto possiedono la necessaria infrastruttura TIC, insegnanti ben preparati e una politica di sostegno da parte del governo», fa notare Spliethoff. Anche se ammette che Animation Now è ancora uno sfidante nell’industria della produzione dei cartoni animati, uno sviluppo di successo nella fase 2 e la commercializzazione nella possibile fase 3 del progetto lo potrebbero mettere in cima alla lista dei desideri delle scuole.

Keywords

Story Maker, Wonder Media, Animation Now, animazione 3D, bambini, scuola, istruzione