Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

iSAFE — Risultato in breve

Project ID: 774928
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.3.1.
H2020-EU.3.6.
Paese: Irlanda
Dominio: Economia digitale

Un gioco online per educare i bambini a un utilizzo sicuro di Internet

La PMI irlandese Zeeko vuole ridurre, attraverso l’insegnamento, il numero di esperienze negative online per i bambini. Può il suo software essere all’altezza delle aspettative dell’UE in materia?
Un gioco online per educare i bambini a un utilizzo sicuro di Internet
È davvero straordinario quanto velocemente i bambini in tenera età capiscano i meccanismi di uno smartphone. Talmente straordinario che ci potrebbe facilmente far dimenticare quanto siano vulnerabili quando navigano su Internet, e quanto sia importante fornire loro gli strumenti per affrontare in modo efficace questi rischi.

La portata del problema è rivelata dalle statistiche dell’UE sul rischio online: Quattro bambini su 10 sono stati almeno una volta vittime di cyberbullismo o esposti a contenuti che promuovono anoressia, autolesionismo, assunzione di droghe o suicidio. Secondo la start-up irlandese Zeeko, una piattaforma online sull’educazione al benessere dove i bambini possono «insegnare» gli uni agli altri la sicurezza su Internet, ridurrebbe notevolmente l’impatto di queste esperienze.

«Internet è una risorsa fantastica per i bambini. Tuttavia, siamo preoccupati per l’impatto negativo che può avere sulle loro vite. Con la nostra piattaforma Appyness Online (AO), credo che possiamo avere un impatto positivo su come viene fornita l’educazione relativa alla sicurezza su Internet ai bambini nelle scuole elementari in tutta Europa, oltre a ridurre le conseguenze delle esperienze negative,» dice Joe Kenny, amministratore delegato di Zeeko.

Le ambizioni di Zeeko sono in linea con il bisogno dichiarato dell’UE di un efficace programma di insegnamento che evidenzi i rischi online per i bambini e li doti degli strumenti adatti per affrontare questi rischi. Tenendo presente questo, l’azienda ha fatto domanda per un finanziamento nell’ambito della fase 1 dello Strumento PMI e ha dato il via al progetto iSAFE nel mese di giugno del 2017.

«Come parte dell’iniziale studio di fattibilità, Zeeko ha effettuato una ricerca sugli aspetti commerciali, tecnici e sociali per la creazione e il lancio di Appyness Online. Si è scoperto che Appyness Online è fattibile, sostenibile e opportuna,» spiega Kenny.

Costruita come un mondo/gioco online 3D, AO è un pacchetto software basato sul web dove i giocatori sono rappresentati da un avatar personale in un «parco giochi online» e devono farsi strada e completare ciascun modulo. I bambini lavorerebbero normalmente in gruppi nelle classi o a casa. I compiti per casa sono completati in gruppi mediante il mondo online, e i bambini possono parlare di questi lavori da svolgere attraverso la messaggistica istantanea. Il software fornisce anche un’analisi semantica in tempo reale delle comunicazioni mediante messaggi istantanei dei giovani (simile come concetto alle tendenze di Twitter) per identificare i rischi online e avvertire il titolare dell’account (genitori o tutori).

«Ciò che rende unica AO è il fatto che avrà un impatto positivo sul modo in cui l’educazione relativa alla sicurezza su Internet è fornita ai bambini. Le soluzioni attuali non proteggono adeguatamente i bambini dalle vulnerabilità di Internet, mente AO lo fa fornendo ai bambini dei contenuti di alta qualità che accrescono la consapevolezza sui rischi online e sulle strategie di adattamento e autoprotezione, mediante un ambiente online sicuro,» dice Kenny.

Zeeko si aspetta che la AO abbia un «impatto significativo sul fardello europeo della sanità e dell’assistenza sociale,» con il numero di bambini a rischio online ridotto da 4 su 10 a 2 su 10 entro il quinto anno.

«AO creerà una banca dati a livello europeo con i dati sul benessere digitale al fine di fornire una visione senza precedenti su: alfabetizzazione digitale, quoziente emotivo digitale e livello di capacità di pensiero critico,» dice Kenny. Entro il 2025, egli prevede che la AO genererà delle entrate per oltre 1,5 milioni di euro all’anno. I clienti bersaglio sono presidi o capi di istituto delle scuole elementari (bambini di età compresa tra 9 e 12 anni), mentre gli utenti finali sono i bambini e i loro genitori.

Keywords

iSAFE, bambini, educazione, Internet, software, Appyness Online, Zeeko