Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Sfruttare il potenziale commerciale delle alghe microscopiche.

Le microalghe sono una materia prima promettente per la produzione sostenibile di cibo, mangime per animali e prodotti non alimentari. Un’iniziativa dell’UE ha contribuito al successo nell’accrescimento di scala grazie alla riduzione dei costi di produzione e all’incremento del valore volti a migliorare il rendimento economico.
Sfruttare il potenziale commerciale delle alghe microscopiche.
Il costo elevato della biomassa disponibile e la mancanza di una tecnologia appropriata per la bioraffineria rappresentano due considerevoli barriere al pieno sfruttamento delle alghe. La riduzione del costo della produzione della biomassa e la creazione di una tecnologia efficace per la bioraffineria e nuovi prodotti sono tutti fattori chiave per accelerare lo sviluppo e l’accrescimento di scala del settore delle alghe.

Il progetto MIRACLES, finanziato dall’UE, intendeva superare questi ostacoli «per mezzo di innovazione e sviluppo tecnologico nella produzione e nella lavorazione delle alghe e dello sviluppo di nuovi prodotti,» dice il coordinatore del progetto, il dott. Hans Reith.

Le microalghe: una risorsa naturale con un enorme potenziale

Il consorzio ha sviluppato e dimostrato con successo le innovazioni tecnologiche per migliorare l’efficacia in termini di costo di produzione, raccolta e lavorazione delle alghe. Sono stati formulati concetti per una bioraffineria multiprodotto che produce profitto, ed è stata introdotta una gamma di nuove specialità a base di alghe per applicazioni alimentari, non alimentari e nel campo dell’acquacoltura.

I partner del progetto hanno anche sviluppato delle tecnologie per concentrare la CO2 proveniente dall’aria per la crescita algale, ottimizzare i prodotti bersaglio nella biomassa algale e ridurre i costi per coltivazione e raccolta. Mediante la bioprospezione in luoghi estremi, essi hanno selezionato dei nuovi ceppi industriali robusti.

Il lavoro è stato supportato da una valutazione esauriente delle opportunità di mercato, una valutazione tecnico-economica, lo sviluppo di progettazioni e scenari integrali per la bioraffineria, e piani aziendali mirati alla piena valorizzazione della biomassa algale. Nello specifico, i ricercatori hanno integrato i risultati in otto scenari per la bioraffineria, dalla produzione della biomassa fino ai prodotti commerciabili che includono tecnologie e dati sviluppati durante il progetto. Sono stati poi valutati gli scenari basati sui loro costi e sulla loro redditività.

Le conclusioni mostrano che una bioraffineria multiprodotto per le microalghe da 10 000 tonnellate ha un potenziale commerciale. Al contrario, bioraffinerie a prodotto singolo di dimensioni simili sono ben lontane dal risultare redditizie. La produzione delle alghe è un fattore importante del costo poiché, a seconda dello scenario, rappresenta tra il 60 e l’85 % dei costi totali.

Rendere commerciabili le microalghe

I ricercatori hanno valutato le prestazioni ambientali di progetti di bioraffineria multiprodotto. Un’analisi del ciclo vitale ha quantificato i principali impatti ambientali e ha identificato nell’uso di energia il maggiore punto di crisi della coltivazione e raffinazione delle microalghe. Per migliorare la tecnologia futura, si dovrebbe porre l’accento su strategie per risparmio di energia, riduzione del costo e ottimizzazione della produttività nella coltivazione e nella lavorazione.

La squadra del progetto ha effettuato un’analisi per comprendere meglio i benefici sociali della coltivazione e dell’utilizzo delle alghe, oltre a un sondaggio degli atteggiamenti e delle aspettative dei consumatori verso i prodotti a base di alghe. Nel complesso, i consumatori sono di mentalità aperta e interessati quando si tratta di prodotti a base di alghe. Le preoccupazioni sono principalmente legate al potenziale sapore e odore sgradevoli e alla purezza (tossine, contaminanti). Devono essere messe in campo azioni come per esempio politiche per il controllo della qualità e comunicazioni appropriate per rassicurare i consumatori riguardo al fatto che le loro preoccupazioni sono affrontate in modo adeguato.

MIRACLES ha raggiunto un’ampia gamma di risultati sfruttabili, tra cui tecnologie, nuove applicazioni dei prodotti e modelli di business supportati da un piano commerciale e aziendale. «I risultati sfruttabili aiutano ad ampliare la differenza tra costi di produzione e valore di mercato delle specialità algali,» dice il dott. Reith. «Questo dimostra la fattibilità commerciale e la potenziale redditività delle iniziative nel campo delle microalghe.» Egli spiega che sono necessarie ulteriori attività di R&S per convalidare e dimostrare le tecnologie e i prodotti sviluppati su scala industriale. Sono state presentate domande di brevetto, e si sta valutando la creazione di nuove iniziative commerciali e di progetti di approfondimento.

Combinando riduzione dei costi e creazione di valore, MIRACLES contribuirà all’accrescimento di scala e alla crescita del settore delle alghe all’interno della bioeconomia, rafforzerà la competitività dell’industria europea della biotecnologia marina e lo renderà maggiormente allettante per gli investimenti. «Anche la strategia della Crescita blu dell’UE trarrà beneficio dallo sviluppo da parte del progetto di posti di lavoro e crescita sostenibili nel settore della biotecnologia delle microalghe e dell’acquacoltura,» conclude il dott. Reith.

Keywords

MIRACLES, microalghe, biomassa, bioraffineria, bioprospezione