Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

Therapnea — Risultato in breve

Project ID: 782483
Paese: Israele
Dominio: Salute, Ricerca di base, Tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Dispositivo terapeutico per l’apnea ostruttiva nel sonno

L’apnea ostruttiva nel sonno è il più comune disturbo comportamentale del sonno che colpisce milioni di pazienti in tutto il mondo. Poiché molti pazienti non sono in grado di attenersi alle attuali terapie, gli scienziati europei hanno elaborato una nuova soluzione.
Dispositivo terapeutico per l’apnea ostruttiva nel sonno
Nell’apnea ostruttiva nel sonno, durante il sonno il percorso respiratorio si blocca quando i muscoli della gola si rilassano in modo intermittente. La respirazione del paziente si interrompe e questa condizione è accompagnata da gravi problemi di comorbilità. La prima linea di trattamento per mantenere aperte le vie aeree durante il sonno è l’uso della ventilazione a pressione positiva continua (CPAP). Tuttavia, il grave disagio si traduce in una scarsa conformità del paziente che porta al successo del trattamento solo nel 50 % dei casi.

Il progetto Therapnea, finanziato dall’UE, ha sviluppato un dispositivo innovativo per affrontare le esigenze non soddisfatte dei pazienti che non riescono a conformarsi alle attuali terapie. L’obiettivo principale era quello di fornire una terapia efficace anche ai pazienti con apnea nel sonno che non possono essere aiutati con la chirurgia. Inizialmente, il piano a lungo termine prevedeva che il dispositivo Therapnea diventasse la prima linea di trattamento per l’apnea notturna.

Nuovo design del dispositivo

Il dispositivo Therapnea opera fornendo supporto meccanico alle pareti della faringe e alla parte posteriore della lingua, eliminando l’ostruzione parziale o completa delle vie aeree durante il sonno. «Il nostro dispositivo utilizza strutture di supporto nelle vie aeree superiori per prevenirne il collasso durante il sonno», spiega Avi Lior, coordinatore del progetto. I ricercatori hanno dovuto affrontare diverse sfide nella progettazione del dispositivo relativamente alla forma, alle dimensioni e al meccanismo di apertura accanto ai parametri dell’elemento di supporto nelle vie aeree degli utenti.

A seguito di un’estesa fase di ricerca e sviluppo e di sperimentazioni con vari design, è stato applicato sull’elemento di supporto un rivestimento molto sottile, biocompatibile, a basso attrito, altamente elastico e duraturo. «Diversamente da qualsiasi altro, il dispositivo Therapnea presenta meno effetti collaterali», sottolinea Lior.

Il dispositivo Therapnea non utilizza aria compressa, quindi è molto meno fastidioso, presenta meno effetti collaterali, non richiede alcuna maschera e tubo collegati a un’unità a fianco del letto ed è silenzioso. Utilizza invece una placca dentale dotata di un supporto per le vie aeree ripiegabile, un motore da indossare sul petto e un’unità a fianco del letto separata per la pulizia e la preparazione del dispositivo durante il giorno. Oltre a fornire la terapia, il dispositivo raccoglie anche grandi quantità di dati sulla respirazione e sul sonno dei pazienti e li carica nel cloud per la supervisione e l’analisi a distanza.

Effetto clinico

Il dispositivo è stato testato in una prova di concetto sperimentale in India che ha coinvolto 10 pazienti. I risultati hanno chiaramente dimostrato la soluzione del riflesso faringeo, il problema principale che si oppone all’uso di elementi di supporto nelle vie aeree superiori. È importante notare che è stata osservata una riduzione dose-dipendente della gravità dell’apnea, con un paziente che ha dimostrato una guarigione completa.

Prima del rilascio sul mercato dei dispositivi previsto per il 2020, i ricercatori Therapnea prevedono di condurre studi di approfondimento con più pazienti e per periodi più lunghi per finalizzare la progettazione del dispositivo. «Non ci aspettiamo di sostituire la CPAP, in quanto rappresenta lo standard industriale e il trattamento di scelta da molti anni», sottolinea Lior. «Notiamo, tuttavia, un’enorme esigenza per i pazienti che non riescono o che non vogliono tollerare la CPAP, che soffrono gravi conseguenze per la salute a causa della loro condizione».

Considerando che il mercato dei dispositivi per le apnee nel sonno è stimato in 3 miliardi di dollari, una nicchia per il dispositivo Therapnea è assolutamente certa. Ad oggi, i risultati clinici supportano la sua efficacia terapeutica, che lo rendono un potenziale punto di svolta nel settore.

Keywords

Therapnea, dispositivo, via aerea, apnea ostruttiva nel sonno, ventilazione a pressione positiva continua (CPAP)