Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

FUSION — Risultato in breve

Project ID: 746622
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.1.3.2.
Paese: Regno Unito
Dominio: Società

Le conseguenze negative della finanziarizzazione

La storia recente ci ha insegnato come la transizione da un capitalismo basato sulla produttività a un capitalismo finanziario si traduca in una maggiore instabilità, una minore equità e in un sistema che si oppone alla redistribuzione della ricchezza. Il progetto FUSION ha decifrato questa transizione e ne ha esplorato le conseguenze.
Le conseguenze negative della finanziarizzazione
I tentativi di riforma non sono finora riusciti a invertire la tendenza: anno dopo anno, la crescita economica è sempre più guidata dai mercati finanziari. Se non altro, la crisi del 2007-2008 è stata un chiodo nella bara dell’economia della produttività: le classi medie e basse continuano a lavorare di più per ottenere meno, e la finanza è passata da uno strumento utilizzato per fornire capitali per l’economia produttiva a essere finalizzata a se stessa, consentendo persino ad alcuni speculatori di guadagnarsi da vivere con debiti pubblici e privati.

Come afferma la dott.ssa Matilde Massó, ricercatrice e borsista Marie Curie dell’Università di Leeds, «il capitalismo finanziario è molto meno equo e distributivo rispetto all’economia produttiva nel pieno della crescita economica tra il 1950 e il 1970. I dividendi e gli investimenti finanziari aumentano mentre gli stipendi e gli investimenti a lungo termine in attrezzature, impianti e macchinari si riducono o si mantengono stabili». Il risultato è un divario salariale crescente tra i segmenti superiore e inferiore delle società, nonché un’occupazione sempre più precaria.

Sebbene questo fenomeno fosse stato studiato in precedenza, la maggior parte di questi sforzi non è riuscita a fornire una spiegazione sistematica del rapporto tra finanziarizzazione, occupazione e distribuzione del reddito. Ciò è dovuto sia alla mancanza di accesso a informazioni affidabili sulle variabili finanziarie e di investimento di imprese e industrie, sia all’assenza di un consenso su come misurare la finanziarizzazione e su quale tipo di indicatori possano essere utilizzati per studiarla da una prospettiva storica.

La chiusura di questo divario è stato lo scopo principale di FUSION (The effects of financial capital accumulation on employment and wealth distribution). Lavorando con il dott. Mark Davis presso l’Università di Leeds e concentrandosi su Spagna e Regno Unito, la dott.ssa Massó ha mirato a produrre un prezioso e unico set di dati utilizzando le informazioni disponibili pubblicamente. Il punto era confrontare un capitalismo già guidato dalla finanza (Regno Unito) con un altro che sembra seguire tutta un’altra traiettoria (Spagna).

«Abbiamo analizzato fino a che punto possiamo identificare un processo convergente verso un modello finanziario di capitalismo nel Regno Unito e in Spagna, perché sono due diversi modelli di organizzazione e cultura economica. Ci siamo focalizzati su aziende non finanziarie, le abbiamo raggruppate per tipo di settore e abbiamo offerto nuove intuizioni sull’ipotesi di una convergenza globale verso un modello finanziario di accumulo di capitale monetario delle controparti non finanziarie a livello nazionale e industriale», spiega la dott.ssa Massó.

Nel complesso, il team del progetto ha studiato l’evoluzione dei bilanci e dei redditi di capitale per le prime 100 aziende indicizzate tra il 2000 e il 2016, in entrambi i paesi. È stato scoperto che in entrambi i paesi era presente una tendenza convergente a livello industriale, che vede un aumento di capitale finanziario non solo quando aumentano i profitti netti delle società, ma anche quando collassano in un contesto di grave crisi economica, precarietà e alta disoccupazione.

«Si tratta di un risultato sorprendente, in quanto implica che la produzione sia diventata sempre più dipendente dal reddito finanziario, come sostituzione dei guadagni provenienti dalla produzione di beni e servizi non finanziari o come supplemento ad essi», afferma la dott.ssa Massó.

Il progetto ha anche dimostrato in quale modo il capitalismo finanziario influisce in modo diverso sulle industrie in base alle loro caratteristiche strutturali. Nel caso del Regno Unito, più l’industria è finanziarizzata, più forte è l’impatto negativo sulla crescita dell’occupazione e sullo stipendio. In Spagna, tuttavia, non esiste un’associazione significativa tra queste variabili, sebbene la dott.ssa Massó affermi che ciò è probabilmente dovuto alle difficoltà nel separare gli effetti della crisi finanziaria del 2007-2008 dall’effetto netto prodotto dal processo stesso di finanziarizzazione.

«Abbiamo anche messo in luce una relazione inversa e forte tra i dividendi pagati e gli stipendi tra il 2000 e il 2016 in entrambi i paesi. In altri termini, le grandi aziende spendono più capitali nella distribuzione dei dividendi che in quelli salariali, anche in un contesto caratterizzato da una grave crisi economica. Ciò ha ovviamente conseguenze allarmanti per milioni di lavoratori in tutta Europa, che possono solo aumentare il debito personale per far fronte al crescente costo della vita», afferma la dott.ssa Massó.

In futuro, la dott. Massó e il dott. Davis vogliono esplorare nuovi modelli di moneta-valuta che consentano una relazione più equilibrata tra il processo di accumulo monetario e la generazione di occupazione. Essi stanno valutando l’ampia gamma di alternative date dal maturo settore europeo di tecnologia finanziaria e il suo potenziale di offrire nuovi modelli di finanza democratica.

Informazioni correlate

Keywords

FUSION, finanziarizzazione, capitalismo, mercati finanziari, economia produttiva, stipendi, investimenti, occupazione, Spagna, Regno Unito