Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

QuInnE — Risultato in breve

Project ID: 649497
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.3.6.
Paese: Svezia
Dominio: Società

Come l’innovazione e la qualità del lavoro si influenzano a vicenda

Un business di successo si basa su due fattori: innovazione e qualità del lavoro, ovvero la capacità di attrarre, utilizzare e trattenere lavoratori a valore aggiunto. Sappiamo anche che i due aspetti sono strettamente correlati. Ma prima del progetto QuInnE, sapevamo molto poco della loro complessa relazione.
Come l’innovazione e la qualità del lavoro si influenzano a vicenda
Certo, non mancano ricerche sui fattori di lavoro in grado di supportare, agevolare o addirittura mitigare l’innovazione. Così com’è piuttosto facile trovare studi sui miglioramenti della qualità del lavoro apportati da alcune innovazioni. I due percorsi si incrociano costantemente, ma non esiste alcuna ricerca che prenda questi due fenomeni multidimensionali e complessi e teorizzi la loro interdipendenza in modo esaustivo e rigoroso.

«La ragione probabile è che quella della qualità del lavoro è un’area molto ampia, proprio come l’innovazione, e ci sono voluti un programma di ricerca completo come Orizzonte 2020 per finanziare un progetto che contempli contemporaneamente l’innovazione tecnologica e non tecnologica e le sei dimensioni fondamentali della qualità del lavoro che utilizziamo in QuInnE», afferma il prof. Christopher Mathieu, che ha coordinato il progetto per conto della Lund University.

Il lavoro svolto nell’ambito di QuInnE (Quality of Jobs and Innovation Generated Employment Outcomes) è fondamentale, poiché si spera di agevolare un approccio più olistico alla promozione di obiettivi sociali quali il benessere, l’inclusione e l’uguaglianza, la crescita economica e occupazionale, prodotti e servizi migliorati, lavoro sostenibile attraverso il miglioramento dell’innovazione e qualità del lavoro. Concentrandosi sull’innovazione e sulla qualità del lavoro, esaminando al contempo anche i risultati in termini di occupazione della loro interazione, il progetto apporta nuove conoscenze scientifiche, nuovi strumenti diagnostici e di sviluppo e consulenze basate sulle evidenze sulle politiche per stimolare la crescita dell’UE e rafforzare la sua economia contro i rischi posti da un’altra grave crisi finanziaria.

Il team di QuInnE ha esaminato tre tipi di innovazione, e cioè prodotto, processo e innovazione organizzativa, e sei dimensioni della qualità del lavoro, vale a dire retribuzioni, qualità occupazionale, istruzione e formazione, condizioni di lavoro, equilibrio tra lavoro e vita privata e partecipazione consultiva e rappresentanza collettiva. Da lì, la squadra ha continuato a cercare connessioni ricorsive. È stata condotta un’analisi qualitativa con 58 casi di studio nell’ambito di otto settori in sette stati dell’UE, insieme ad analisi quantitative a livello nazionale, industriale, aziendale e individuale. Sono state infine prese in considerazione politiche di innovazione e strategie aziendali.

«Abbiamo raccolto i risultati e sviluppato due strumenti. La «Quinnemap» confronta le prestazioni della maggior parte dei paesi dell’UE in una gamma di dimensioni occupazionali, di qualità del lavoro e di innovazione reciproca. Il secondo strumento è uno strumento di sviluppo che rende i risultati del progetto ricercabili e prontamente accessibili per i responsabili delle politiche, i datori di lavoro, i dipendenti e i funzionari sindacali», spiega il prof. Mathieu.

Una delle scoperte più interessanti del progetto è il fatto che il prodotto e, in misura minore, l’innovazione dei processi portano a un aumento dell’occupazione e della qualità del lavoro, mentre gli effetti dell’innovazione organizzativa sono più contrastanti. Il team ha anche scoperto che l’impatto positivo dell’innovazione si concentra principalmente su dipendenti con elevate qualifiche di alto livello. Esiste un «effetto Matthew» dell’innovazione che, se incontrollato, porterebbe a un aumento della disuguaglianza tra i lavoratori.

«Gli effetti positivi generali dell’innovazione, in termini sia di occupazione che di qualità del lavoro a livello di impresa, dovrebbero continuare a essere sostenuti. Tuttavia, lasciata da sola, l’innovazione probabilmente esacerberà le disparità. Questa situazione deve essere compresa e affrontata in modo olistico e proattivo piuttosto che tentare di affrontare le conseguenze post-factum», sottolinea il prof. Mathieu.

Secondo i risultati del progetto, un tipo di innovazione che andrebbe enfatizzata è l’innovazione incrementale sul posto di lavoro. Benché meno visibile e spesso non considerata significativa, questa può contribuire a innovazioni più importanti e aiutare a realizzare un ambiente favorevole all’innovazione.

Nel complesso, i risultati del progetto sottolineano la necessità di sviluppare la politica dell’innovazione e la qualità del lavoro congiuntamente. Essi dimostrano che è possibile stabilire circoli virtuosi attraverso il sostegno istituzionale e scelte gestionali che favoriscano l’apprendimento e il coinvolgimento. «Le aziende più innovative si concentrano sull’occupazione e sulla qualità del lavoro, quindi una migliore occupazione e qualità del lavoro non sono probabilmente solo un effetto dell’innovazione, ma la producono anche, come si potrebbe evincere dai nostri casi di studio. Questi sono i processi, in gran parte nelle mani dei dirigenti, che i responsabili delle politiche devono promuovere», conclude il prof. Mathieu.

Informazioni correlate

Keywords

QUINNE, qualità del lavoro, innovazione, occupazione, posto di lavoro, politica