Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

EyeWideVision — Risultato in breve

Project ID: 791464
Paese: Spagna
Dominio: Salute, Società, Tecnologie industriali

WIVI: una tecnologia visionaria per il trattamento e per il test della disabilità visiva

Un gruppo di ricercatori dell’UE ha fuso la valutazione e l’addestramento per le limitazioni alle funzioni visive nei minori. Il risultato, il sistema olistico WIVI Vision, offre diagnosi precoce e un trattamento di gran lunga migliore rispetto alle soluzioni oftalmiche e optometriche attuali.
WIVI: una tecnologia visionaria per il trattamento e per il test della disabilità visiva
Circa il 10 % dei minori di età compresa tra i 5 e i 15 anni è affetto da una qualche forma di grave disfunzione visiva. Tra queste figura, ad esempio, la visione doppia, che impedisce ai minori colpiti di mettere a fuoco adeguatamente, per cui gli occhi si muovono in modo irregolare. Di conseguenza, funzioni visive di base quali lettura, scrittura e riconoscimento di persone a distanza risultano compromesse.

La metà di questi minori non riceve una diagnosi; inoltre, a causa di una mancanza di risorse, solo il 2 % dei pazienti a cui è stata diagnosticata una disfunzione visiva viene trattato e solo un optometrista su cento è in grado di fornire tali servizi.

WIVI – la visione per il futuro

Le soluzioni attuali disponibili sul mercato tendono a essere soggettive e caratterizzate da un funzionamento manuale, limitate a un’area di prova e a bassa precisione. Si basano su conoscenze specialistiche, sono costose e difficili da utilizzare e richiedono la verifica di condizioni non ripetitive o l’addestramento di capacità funzionali visive.

Guidato dall’azienda spagnola E-Health Technical Solutions (EHTS), con sede a Barcellona, il progetto EyeWideVision, finanziato dall’UE, ha sviluppato uno strumento per la valutazione e il trattamento delle disfunzioni visive chiamato WIVI. «Personalizzato per ciascun utente e medico specialista, il sistema si basa su tecniche immersive tridimensionali che forniscono un insieme completo di fasi cognitive, neurali e fisiche per la valutazione del sistema visivo», sottolinea Eva García Ramos, ad e fondatrice di EHTS.

WIVI in confronto alle alternative attuali

La buona notizia è che, una volta individuati, il 95-100 % dei casi di disfunzione visiva può essere risolto mediante addestramento, e il tasso di rilevamento di WIVI è eccellente. «Dotato di algoritmi premiati dal concorso IBM Watson Build, questo strumento può misurare più di 50 parametri nell’ambito di tutti i campi visivi, invece dei soli quattro in un campo ottenibili mediante l’utilizzo di sistemi alternativi comparabili», spiega il dott. Juan Carlos Ondategui-Parra, optometrista e co-fondatore di EHTS.

WIVI è unico: integra valutazione e trattamento per ciascun campo visivo ed è parzialmente controllabile dall’utente, una funzione completamente nuova. Il periodo di trattamento standard è ridotto da sei a meno di tre mesi e lo strumento rappresenta un’alternativa complessivamente più economica, sia per gli utenti sia per i medici specialisti.

Uno sguardo a WIVI

La domanda di dispositivi che forniscono diagnosi precoce e un miglior trattamento delle limitazioni visive è in crescita. Secondo uno studio condotto dall’impresa Persistence Market Research, è previsto che le vendite di dispositivi clinici globali all’interno del mercato della valutazione delle funzioni visive subiranno un incremento di 42 685 milioni di EUR entro il 2020, con un tasso di crescita annuo medio del 6,5 %.

Sebbene la fase 1 del progetto sia ufficialmente terminata, EHTS è ben preparata per questa sfida e ha già definito la tabella di marcia di WIVI per i prossimi cinque anni. «Il nostro gruppo ha più di 25 anni di esperienza in questo settore ed è riconosciuto a livello internazionale come in grado di raggiungere, infine, il mercato globale. La soluzione WIVI sarà universale, per i bambini di tutto il mondo», evidenzia García Ramos.

L’approccio impiegato è di tipo tridimensionale: la prima fase consisterà nello sviluppare ulteriormente WIVI e nell’introdurre, una volta convalidato, miglioramenti sostanziali. Per ampliare la commercializzazione il più rapidamente possibile, EHTS cercherà di ottenere le necessarie certificazioni per ogni funzione in base alle normative locali e di integrare questi particolari requisiti dal punto di vista tecnico. Infine, ci si concentrerà principalmente sui medici prescriventi nell’approccio al mercato.

«Lo studio di EyeWideVision ci ha consentito di convalidare la nostra idea imprenditoriale. Il nostro scopo è quello di rendere WIVI uno standard mondiale per la valutazione e il trattamento delle disfunzioni visive, in grado di esercitare un elevato impatto sulla società», conclude Ondategui-Parra. È possibile consultare i dettagli sullo sviluppo di EHTS e di WIVI sul sito web di WIVI Vision.

Keywords

EyeWideVision, WIVI, trattamento, disfunzione visiva, diagnosi