Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Verso una transizione migliore dalle cure mentali del bambino a quelle dell’adulto

Per i pazienti con disturbi mentali, la transizione dall’assistenza da bambino a quella da adulto spesso non è così semplice come invece dovrebbe essere. Il progetto MILESTONE sta conducendo studi a livello UE per identificare i problemi esistenti e aiutare i medici a superarli.
Verso una transizione migliore dalle cure mentali del bambino a quelle dell’adulto
La maggior parte dei disturbi mentali si manifesta tra l’infanzia e l’età adulta. Sembrerebbe quindi logico rafforzare i servizi di salute mentale durante questo delicato periodo di transizione. Ma la realtà è abbastanza diversa: Questo periodo è attualmente considerato l’anello più debole nel percorso assistenziale, a causa di varie discontinuità. Nuovi terapeuti o servizi, trasferimento, essere visti come adulti piuttosto che come bambini, o anche instaurare delle relazioni e la genitorialità, sono tra le molte discontinuità che i giovani possono incontrare.

MILESTONE (Managing the Link and Strengthening Transition from Child to Adult Mental Health Care) è un progetto che si concentra specificamente sulla discontinuità dell’assistenza che si verifica quando un adolescente raggiunge il «limite superiore di assistenza» del suo servizio di salute mentale per bambini e adolescenti (CAMHS, Child and Adolescent Mental Health Service). Coloro che necessitano di servizi specialistici per adulti, o di servizi universali o mirati, li ricevono davvero? Possiamo aiutare i medici a superare gli ostacoli verso un servizio di transizione senza intoppi? Quali sono le questioni etiche collegate all’assistenza di transizione? In Europa, la transizione è inclusa nella formazione dei professionisti in assistenza per la salute mentale? Queste sono solo alcune delle domande a cui il progetto cercava di rispondere.

«I giovani che frequentano il CAMHS specialistico potrebbero non raggiungere la soglia per i servizi di salute mentale specialistici per gli adulti e quindi cadere automaticamente nel vuoto del servizio specialistico, mentre altri potrebbero rifiutare i servizi di salute mentale specialistici per gli adulti per vari motivi. La discontinuità nelle cure si verifica pertanto quando i giovani con problemi di salute mentale ne hanno più bisogno e ciò riguarda un paziente su tre nel Regno Unito», afferma Swaran Singh, professore di Psichiatria sociale e comunitaria presso la Warwick Medical School.

I risultati dei pazienti che non hanno una transizione sono attualmente sconosciuti. Per colmare questa lacuna, il team di MILESTONE sta conducendo uno studio di coorte che acquisisce informazioni longitudinali (oltre 24 mesi) su giovani provenienti da otto paesi europei che hanno raggiunto il limite di età superiore del loro CAMHS. Anche se i risultati non saranno disponibili fino alla primavera del 2019, il progetto ha già ottenuto approfondimenti significativi.

«La nostra indagine di mappatura a livello UE conferma che esistono lacune nella fornitura di servizi di salute mentale in tutta Europa, principalmente a causa della mancanza di percorsi di assistenza su misura per i giovani e della mancanza di collegamento tra i due servizi. Nella maggior parte delle aree, non esistono iniziative comuni o attività comuni tra questi servizi», osserva la dott.ssa Helena Tuomainen, Responsabile scientifico della ricerca di MILESTONE.

L’indagine del progetto evidenzia anche le aree di interesse relative ai CAMHS in tutta l’UE: scarsa pianificazione dei servizi; scarsità di valutazioni standardizzate degli esiti per fornitura o prestazioni dei servizi; coinvolgimento scadente o variabile degli utenti dei servizi o delle loro famiglie; o la scarsità di CAMHS interdisciplinari e servizi di salute mentale per adulti. Secondo il prof. Singh, sono necessarie politiche nazionali più chiare per modellare l’erogazione e la struttura dei servizi e dovrebbero essere sviluppati sistemi di raccolta dati nazionali standardizzati con strumenti standardizzati per valutare correttamente l’erogazione, l’utilizzo e l’efficacia del trattamento.

Un’altra notevole scoperta del progetto è che la maggior parte dei paesi dell’UE non ha un programma di transizione specializzato e che solo due paesi, la Danimarca e il Regno Unito, dispongono di politiche o linee guida nazionali o regionali per la gestione della transizione degli utenti dei servizi individuali. Inoltre, solo in tre paesi è prevista una valutazione standardizzata condotta di routine delle necessità dei giovani che si avvicinano al confine di transizione.

Il team del progetto ha anche sviluppato un modello di transizione basato su una valutazione tempestiva e standardizzata dei pazienti che frequentano il CAMHS. Il modello e il suo strumento associato, la Misura della prontezza e adeguatezza della transizione (TRAM, Transition Readiness and Appropriateness Measure), prendono in considerazione tutti i fattori rilevanti e importanti legati alla transizione ben prima del confine del servizio, concedendo ai medici il tempo sufficiente per attuare un piano di transizione.

Una volta completato, MILESTONE fornirà un resoconto completo ma articolato dell’organizzazione, delle politiche e delle pratiche di assistenza per i giovani con problemi di salute mentale al confine CAMHS-AMHS in tutta l’UE e un’analisi tempestiva dei loro risultati ed esperienze. Il prof. Singh spera che ciò consenta una progressione più agevole del paziente verso ruoli adulti significativi.

«Aumentando la consapevolezza sull’importante argomento della transizione, ci aspettiamo che i risultati di MILESTONE incoraggino i servizi in tutta Europa a mettere in discussione la propria struttura e identificare le reali debolezze nel percorso assistenziale CAMHS-AMHS in modo che i risultati per i giovani e le loro famiglie possano essere migliorati adattando le migliori pratiche basate sull’evidenza nella loro fornitura di servizi», conclude.

Informazioni correlate

Argomenti

Life Sciences

Keywords

MILESTONE, transizione, assistenza per la salute mentale, CAMHS, studi, Europa