Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

gmSCAN — Risultato in breve

Project ID: 719180
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.3.1.
H2020-EU.3.2.
Paese: Irlanda
Dominio: Tecnologie industriali

Sistemi accurati per la classificazione delle carcasse per il mercato della macellazione dei suini

Una PMI irlandese ha testato con successo una nuova tecnologia per la classificazione delle carcasse di suino in Spagna e Polonia. L’innovativo sistema fornisce dei vantaggi competitivi significativi, e dovrebbe essere reso presto disponibile in tutta l’UE.
Sistemi accurati per la classificazione delle carcasse per il mercato della macellazione dei suini
Nell’industria della carne, non tutti i suini sono fatti uguali. Tenerezza, succulenza e sapore dipenderanno molto da allevamento, età, alimentazione e gestione di un suino nel corso della sua vita, sembra quindi più che giusto stabilire conseguentemente il prezzo di ogni carcassa. Questo sistema è chiamato classificazione delle carcasse di suino, ed è essenziale per garantire un pagamento equo al produttore.

L’UE ha stabilito una regolamentazione per basare questa classificazione sul contenuto totale di carne magra in relazione al peso. Ma la verità è che i produttori non sono ancora del tutto soddisfatti dei sistemi di calcolo disponibili, e i mattatoi sono sempre più interessati alla creazione di metodi più accurati per classificare carcasse e principali tagli di carne in base al loro contenuto di carne magra.

«La maggior parte degli addetti al trattamento di piccole e medie dimensioni al momento utilizzano sonde manuali basate sulla riflettività ottica per la classificazione delle carcasse. Queste sonde sono relativamente economiche, ma non sono in grado di fornire informazioni sul contenuto di carne magra sui tagli principali, e devono essere utilizzate da un operatore qualificato», dice Diarmaid Heussaff, direttore generale di GM Steel.

Esistono naturalmente anche sistemi di classificazione automatici, basati su tecnologie di visione o a ultrasuoni. Le apparecchiature a ultrasuoni sono in grado di prevedere il contenuto di carne magra nei tagli principali scansionando l’intera carcassa in posizione orizzontale, mentre i sistemi di visione effettuano la classificazione in posizione verticale. Ma questo richiede che la carcassa sia divisa in due in modo corretto e posizionata bene davanti alle videocamere.

Questo è il contesto in cui si vuole che prosperi la tecnologia gmSCAN di GM Steel. Essa fornisce una previsione affidabile della percentuale totale di carne magra e della composizione dei tagli principali prima ancora che la carcassa venga divisa in due: «La configurazione verticale dello scanner facilita l’integrazione delle apparecchiature nella linea di macellazione e riduce notevolmente i costi di integrazione, e riteniamo che sia un’alternativa concorrenziale ai sistemi automatici esistenti», afferma Heussaff.

L’induzione magnetica sta alla base di questo notevole passo in avanti. Sviluppato in collaborazione con Lenz Instruments, questo metodo è senza contatto – salvaguardando in tal modo l’integrità e le caratteristiche fisiche della carne – e analizza le risposte dei tessuti grassi e magri quando sono soggetti a un campo magnetico variabile a bassa intensità.

La carcassa viene fatta passare attraverso un campo magnetico generato da una serie di bobine di eccitazione. Ogni bobina è attivata in sequenza e il campo magnetico risultante è rilevato da una serie di sensori ricevitori. In un certo intervallo di frequenze, l’individuazione del contenuto di carne magra in una carcassa diventa possibile per via delle differenze nelle proprietà dielettriche del grasso e delle ossa rispetto ai tessuti magri.

Presto in arrivo nel vostro paese

Due gmSCAN sono stati testati con successo durante lo svolgimento del progetto, rispettivamente in Spagna e Polonia. Anche se la squadra è sicura che l’apparecchiatura sia adesso pronta per la commercializzazione in tutta l’UE, essa deve essere ancora testata e approvata da ciascuna autorità nazionale di regolamentazione. GM steel si concentrerà di conseguenza prima sul mercato della macellazione dei suini spagnolo e su quello polacco, per ottenere l’approvazione della tecnologia da parte del settore industriale.

«Prevediamo di rivolgerci al mercato della macellazione dei suini in altri paesi a tempo debito. Gli attuali metodi di classificazione si possono ancora usare, e in particolare verranno ancora usati dagli stabilimenti più piccoli, ma il sistema gmSCAN si dimostrerà interessante per i produttori di medie dimensioni che in precedenza trovavano proibitivo il costo dei sistemi automatici. Per i produttori più grandi, esso offre informazioni uguali o simili a quelle dei sistemi più costosi sul mercato, ma a un costo molto più basso», conclude Heussaff.

Keywords

gmSCAN, carcassa suino, carne magra, classificazione, induzione magnetica, classificazione carcassa, industria delle carni