Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

AMPK-DIAB — Risultato in breve

Project ID: 754268
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.1.4.
H2020-EU.2.3.1.
Paese: Svezia
Dominio: Salute

Un nuovo trattamento innovativo per l’obesità ridurrà l’impatto del diabete: siamo ormai vicini alla «pillola dell’esercizio fisico»?

Il numero delle persone che convive con il diabete si è quadruplicato tra il 1980 e il 2014. Nessuno dei farmaci disponibili per trattare il diabete riduce l’insulino-resistenza, una causa fondamentale del T2D indotto dall’obesità. Un progetto supportato dall’UE ha trovato un nuovo approccio che potrebbe essere in grado di fare proprio questo.
Un nuovo trattamento innovativo per l’obesità ridurrà l’impatto del diabete: siamo ormai vicini alla «pillola dell’esercizio fisico»?
Il numero di adulti nel mondo con il diabete si è quadruplicato, passando da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014. Circa il 90 % di queste persone è colpita dal diabete di tipo 2, una causa primaria di insufficienza renale, cecità, lesioni nervose, amputazioni, infarto miocardico e ictus. Si stima che solo circa il 10 % dei diabetici di tipo 2 (T2D) raggiunga l’obiettivo di condurre una vita priva di complicazioni.

Il trattamento attuale per il T2D stimola la produzione di insulina nelle cellule β pancreatiche (agonisti del recettore del GLP-1) o blocca il riassorbimento del glucosio nei reni, con il glucosio che finisce quindi nelle urine (inibitori SGLT2). Quando la pressione sulle cellule β per produrre ulteriore insulina diventa troppo elevata e questi trattamenti falliscono, l’ultima fase è quella di effettuare iniezioni di insulina.

«Non esistono attualmente farmaci approvati che siano in grado di aumentare il riassorbimento di glucosio nei muscoli (il compito principale dell’insulina) o di diminuire l’insulino-resistenza sistemica che ridurrebbe la pressione sulle cellule β. O304 può fare tutte queste cose», dice il coordinatore del progetto AMPK-DIAB, il dott. Thomas Edlund. O304 è una delle O-serie di composti attivatori dell’AMPK. Il dott. Edlund spiega che l’esercizio fisico fa calare i livelli di energia nelle cellule. Per ristabilire i livelli di energia viene attivato l’enzima AMPK.

L’attivazione dell’AMPK incrementa il riassorbimento di glucosio e lipidi e stimola l’ossidazione di queste sostanze nutritive per generare energia, oltre ad aumentare il flusso di sangue per rifornire i tessuti con queste sostanze nutritive. Quindi la capacità di attivare l’AMPK con una piccola molecola simile a un farmaco rappresenta il santo Graal: darebbe origine alla «pillola dell’esercizio fisico».

«In sostanza, questo è esattamente ciò che abbiamo realizzato», dice il dott. Edlund. «O304 imita tutti gli effetti benefici dell’esercizio fisico su obesità, T2D, fegato grasso, il sistema cardiovascolare e molte altre funzioni fisiologiche. Gli animali che vengono trattati con O304 corrono in effetti per distanze nettamente superiori rispetto agli animali di controllo». O304 può adesso essere sviluppato al fine di trattare l’obesità e le malattie e complicazioni associate, spiegando che è sicuro e ben tollerato sia negli animali che negli esseri umani.

Incrementando il dispendio energetico negli animali mediante un meccanismo nuovo e unico che ha come risultato una perdita di massa grassa negli animali, pur mangiando persino di più, O304 è estremamente adatto per trattare l’epidemia globale di obesità. Nessun altro farmaco presente sul mercato è in grado di incrementare il dispendio energetico.

Betagenon, l’azienda svedese dietro il progetto AMPK-DIAB, spera di rivolgersi a una popolazione ad alto rischio di pazienti affetti da T2D. «Il problema principale con il T2D sono le devastanti complicazioni che, in gran parte, sono causate da un ridotto flusso sanguigno nei minuscoli capillari. O304 incrementa notevolmente il flusso di sangue in modo da poter affrontare queste complicazioni nei pazienti obesi affetti da T2D», spiega.

I ricercatori hanno completato con successo una sperimentazione clinica di fase IIa esplorativa di 28 giorni in pazienti con diabete di tipo 2, al momento trattati con metformina, e stanno ora portando a termine i profili del prodotto bersaglio, da una prospettiva commerciale, per ogni malattia per cui O304 potrebbe rappresentare un’opzione.

«Il diabete rappresenta un’epidemia che minaccia le economie di tutti gli Stati membri dell’UE. Il nostro progetto affronta questa sfida fornendo un nuovo regime di farmacoterapia ai medici e ai loro pazienti. O304 andrà a colmare la mancanza di conoscenze a livello di tutta l’UE. Nessuna azienda è stata ad oggi in grado di effettuare la preconvalida di un’efficiente piccola molecola attivatrice dell’AMPK», dice il dott. Edlund.

Keywords

AMPK-DIAB, diabete, Betagenon, O304, composti attivatori dell’AMPK, pillola dell’esercizio fisico, obesità