Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

H2020

DISRUPT — Risultato in breve

Project ID: 691436
Finanziato nell'ambito di: H2020-EU.2.
H2020-EU.3.
Paese: Italia
Dominio: Trasporti e Mobilità

Un balzo in avanti di 40 anni nella sicurezza dell’elicottero ultraleggero

Un nuovo concetto di elicottero ultraleggero con un innovativo sistema paracadute, il cosiddetto Zefhir, è stato recentemente presentato al pubblico, promettendo un livello di sicurezza mai raggiunto in questo settore. L’azienda prevede il lancio sul mercato di Zefhir nel 2019.
Un balzo in avanti di 40 anni nella sicurezza dell’elicottero ultraleggero
Poche persone sanno di poter acquistare un elicottero per soli 120 000 euro. In realtà, da quando gli elicotteri ultraleggeri sono diventati una realtà negli anni ’80, sono rimasti un mercato piuttosto di nicchia. La sicurezza in condizioni climatiche avverse è sempre stata una preoccupazione e, sorprendentemente, non è stato fatto molto per alleviare tali preoccupazioni da quando i primi elicotteri ultraleggeri sono stati commercializzati.

Secondo il dott. Ivan Montanari, coordinatore del progetto DISRUPT, la mancanza di scoperte tecnologiche su questo mercato è in realtà dovuta a una combinazione di tre fattori: elicotteri ultraleggeri costruiti principalmente da PMI che non possono permettersi cambiamenti radicali di progettazione; un processo di ideazione, assemblaggio e manutenzione che opera con scarsa attenzione agli standard aeronautici certificati; e il limite di 450 kg al di sopra del quale un elicottero non viene più considerato ultraleggero.

Uno di questi tre ostacoli, tuttavia, è stato recentemente rimosso. La normativa UE ora consente a un elicottero ultraleggero di pesare fino a 600 kg, il che significa maggiore flessibilità per i produttori che desiderano migliorare la sicurezza dei loro prodotti. «Speriamo che questo rappresenti il primo passo verso un’armonizzazione europea dei requisiti tecnici per gli aeromobili esclusi dal regolamento di base», afferma il dott. Montanari.

Per sfruttare al meglio questa opportunità, la Divisione Aerospace di Curti (con l’aiuto di Hypertec Solutions) ha collaborato con l’azienda ceca PBS Velká Bíteš e la tedesca Junkers Profly per sviluppare Curti Zefhir, un nuovissimo elicottero ultraleggero che integra un sistema di salvataggio con paracadute.

Le lame e il corpo di Zefhir traggono vantaggio dagli ultimi progressi nella costruzione di materiali compositi, mentre il design moderno della sua turbina e gli avanzati algoritmi software FADEC (Full Authority Digital Engine Control) garantiscono la potenza richiesta. Il sistema di soccorso comprende soluzioni intelligenti di apertura, i materiali per paracadute più leggeri ed efficaci e materiali compositi per la scatola di contenimento. Secondo il dott. Montanari, «il progetto DISRUPT è sulla buona strada per offrire un’alternativa più sicura e ultraleggera con un design adatto al XXI secolo».

Zefhir aderisce ai requisiti EASA CS-27 per gli elicotteri più grandi e ha superato impegnativi test ad hoc per le sue parti volanti critiche. Il suo motore a turboalbero è stato progettato per offrire prestazioni costanti in condizioni climatiche avverse, nonché a quote e temperature elevate, mentre il FADEC facilita il volo. Il profilo della lama scelto porta anche a una maggiore efficienza e a una minore emissione di rumore.

«Grazie all’estensione di sei mesi del progetto DISRUPT, siamo riusciti a raggiungere tutti gli impegnativi obiettivi che ci eravamo prefissati all’inizio. Abbiamo convalidato, per la prima volta in assoluto, per quanto ne sappiamo, un sistema di sicurezza con paracadute per elicotteri ultraleggeri. Stiamo al momento completando i test di volo sul prototipo industrializzato costruito nell’ambito del progetto DISRUPT, in modo da poter invitare i potenziali clienti per i test di volo all’inizio del prossimo anno», afferma il dott. Montanari.

La reazione del pubblico al prototipo è stata ampiamente positiva quando questo è stato presentato nel corso di AERO Friedrichshafen nell’aprile 2018. «Probabilmente il feedback più gratificante è stato la visita al nostro stand e i complimenti che abbiamo ricevuto dall’ingegnere che ha progettato uno degli elicotteri ultraleggeri certificati più importanti e famosi oggi sul mercato», afferma il dott. Montanari. Curti Aerospace si sta ora concentrando sulle restanti attività tecniche e di marketing che dovrebbero portare al suo lancio commerciale ad AERO 2019.

Keywords

DISRUPT, Zefhir, elicottero ultraleggero, paracadute, sicurezza, condizioni meteorologiche avverse