CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

New PTFE Production Process for High Value Applications

Italiano IT

Il nastro leggero estensibile ad alta tecnologia potrebbe aiutare varie industrie, dal settore aerospaziale a quello automobilistico

Il PTFE, diffuso in tutto il mondo dal noto marchio Teflon™, esiste da decenni., ma oggi un progetto finanziato dall’UE ha sviluppato una versione di nastro estensibile, rendendo questo prodotto ad alta tecnologia adatto per l’era spaziale.

TECNOLOGIE INDUSTRIALI

© Macchine Speciali
Il progetto ProPApp finanziato da Orizzonte 2020 ha migliorato e snellito la produzione di un polimero vecchio e ampiamente utilizzato, portando la tecnologia nell’era spaziale. Il politetrafluoroetilene (PTFE) è un polimero sintetico creato negli anni ’60, comunemente noto con il suo marchio più diffuso, Teflon™. È ampiamente utilizzato in tante cose, dalle pentole alla produzione di cavi, assumendo spesso la forma di un rivestimento versatile, come ad esempio lo strato protettivo antiaderente in molte padelle per friggere. L’esclusivo legame chimico del PTFE offre caratteristiche di estrema durata. Può sopportare una vasta gamma di temperature, rimanendo stabile da -50 °C a oltre 350 °C. È resistente agli acidi e non appiccicoso. La sua lunga durata lo rende ideale per applicazioni in molti settori, ma è denso e difficile da lavorare. Inoltre le tecniche per crearlo non sono molto conosciute, il che significa che sebbene il PTFE sia un materiale utile, i suoi usi sono stati limitati. Ciò è particolarmente vero per la forma nastro, prodotto per molte industrie perché il nastro PTFE non si espande più del 20 %. Il progetto ProPApp, realizzato presso Macchine Speciali a Milano, ha studiato una nuova linea di produzione per la creazione di un nuovo nastro estensibile ed espandibile, l’E-PTFE. Le polveri utilizzate per creare il nastro sono bi-orientate, il che significa che il materiale può essere allungato longitudinalmente e orizzontalmente. Questo nastro è estensibile in tutte le direzioni ed è quindi molto più flessibile. Può essere allungato fino a uno spessore di appena 0,01 mm, rendendolo applicabile anche in più scenari in una varietà di settori come quello aerospaziale, automobilistico, petrolchimico e medico. Il nuovo nastro sarà anche più leggero ed economico. Il fatto che sia resistente quando viene allungato in qualsiasi direzione significa che può essere trattato ulteriormente, spiega Giovanni Sironi, Direttore Generale di Macchine Speciali e responsabile del progetto ProPApp. «Può essere teso in entrambe le direzioni, portandolo allo spessore desiderato per ottenere un nastro gradualmente più sottile, fino a quando non diventa una membrana, permeabile all’aria ma impermeabile all’acqua». La versione leggera del PTFE ha il 50 % in meno di densità e avrà usi ad alte prestazioni nei cavi elettrici e di alimentazione. Ora che il progetto è stato completato, il team vorrebbe aumentare la produzione e distribuirlo in altri paesi, vendendo impianti specializzati per la costruzione del nastro. «Due di questi sono già stati venduti», afferma Sironi. «Questo nuovo elemento del nostro business ci permetterà di trovare nuove soluzioni mentre sviluppiamo questa tecnologia all’avanguardia. Tuttavia, non abbiamo perso di vista le tradizioni che abbiamo costruito in 20 anni e che ci hanno permesso di esportare i nostri macchinari nel mondo». Nata nel 1996, Macchine Speciali ha acquisito competenze produttive uniche nel settore dei cavi. Sono fieri di ascoltare il riscontro dei clienti per aggiungere innovazione ai nuovi prodotti e negli ultimi due decenni hanno studiato i limiti di produzione del PTFE, fino a concepire l’idea di E-PTFE. Hanno accolto con favore il sostegno che l’UE ha fornito al progetto, dando loro la spinta per migliorare e aumentare la produzione. «Orizzonte 2020 è sicuramente un contributo prezioso per le aziende che vogliono innovare per proporre qualcosa di nuovo e attraente: perché non dovremmo mirare a migliorare il mondo del lavoro, dell’industria e della società? Il nostro progetto potrebbe orgogliosamente raggiungere anche questi obiettivi».

Parole chiave

ProPApp, PTFE, Teflon, nastro, estensibile, resistente, aerospaziale, automobilistico, medico, cablaggio, cavi, progettazione, Italia

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 710279

  • Data di avvio

    1 Maggio 2016

  • Data di completamento

    31 Ottobre 2018

Finanziato da:

H2020-EU.2.3.1.

H2020-EU.2.1.2.

  • Bilancio complessivo:

    € 1 561 250

  • Contributo UE

    € 1 092 875

Coordinato da:

MACCHINE SPECIALI SRL

Questo progetto è apparso in…