CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT
Smart Biopsy Tool for Real-Time Cancerous Cell Characterization at the Tip of the Needle

Smart Biopsy Tool for Real-Time Cancerous Cell Characterization at the Tip of the Needle

Italiano IT

Migliore diagnosi del cancro al seno sulla punta di un ago

Un nuovo dispositivo sviluppato con fondi dell’UE fornisce un’analisi in tempo reale di tessuto umano per guidare i medici nell’individuazione del tessuto più anormale per un’accurata biopsia.

SALUTE

© Dune Medical Devices Ltd
Il progetto SmartGuide ha sviluppato un dispositivo basato sulla tecnologia della radiofrequenza (RF) che analizza istantaneamente il tessuto umano usando sensori elettrici su un ago da biopsia. Il dispositivo, il primo di questo tipo, guida i medici verso l’area più sospetta per una valutazione accurata della malattia. «Una certa percentuale delle donne che si sottopongono alla mammografia per il cancro al seno otterrà un risultato sospetto e avrà bisogno di fare una biopsia del tessuto al fine di ottenere una diagnosi accurata dal patologo», spiega Gal Aharonowitz, direttore operativo e direttore generale di Dune Technologies in Israele, l’azienda che ha sviluppato il dispositivo. Il dispositivo usa la tecnologia RF per analizzare il tessuto della biopsia. «Differenti tipi di tessuto si distinguono in base alle loro proprietà elettriche che la nostra tecnologia è in grado di misurare in tempo reale», afferma. Le letture sono visualizzare su una «mappa del tessuto» e classificate usando un algoritmo brevettato sviluppato dall’azienda a partire da set di dati precedenti relativi alle proprietà elettriche che erano correlate ai tipi di tessuti. La mappa dei tipi di tessuto che sono in contatto con i sensori integrati lungo l’ago da biopsia è presentata ai radiologi durante la procedura. Biopsie più accurate «SmartGuide non sostituisce l’analisi patologica, ma piuttosto guida i radiologi verso il tessuto più sospetto per consentire una biopsia e un esame patologico più accurati», afferma Aharonowitz, aggiungendo che riduce il numero di falsi negativi e falsi positivi, evitando diagnosi errate e il bisogno di biopsie ripetute che attualmente colpiscono il 18 % delle pazienti con cancro al seno. «Questa migliore precisione dell’esame patologico riduce anche significativamente i costi sanitari», egli afferma. La tecnologia RF di caratterizzazione del tessuto è attualmente usata nel dispositivo MarginProbe dell’azienda, che consente ai chirurghi di identificare microscopici cancri residui sullo strato esterno di tumori appena asportati durante procedure di lumpectomia, e se necessario, di rimuovere ulteriore tessuto durante l’intervento chirurgico. Essa riduce il bisogno di interventi chirurgici ripetuti del 56–79 % ed è usata abitualmente in oltre 70 ospedali negli Stati Uniti e in Israele. Il progetto dell’UE amplia il suo utilizzo a una fase più iniziale del trattamento del tumore al seno: la diagnosi precoce. «Abbiamo preso un ago da biopsia di serie e vi abbiamo integrato la tecnologia RF», afferma Aharonowitz. «Una volta inserito l’ago nel tessuto si ottiene in modo immediato e continuo una risposta da ciascuno dei sensori». La sfida tecnologica La miniaturizzazione dei sensori, per portarli a un decimo delle loro dimensioni precedenti e consentire la loro integrazione sull’ago e ricevere misurazioni accurate senza interferenze dall’ambiente circostante, è stata una grossa sfida. «Inizialmente disponevamo solo di studi di fattibilità ricavati dal collaudo dei sensori su una superficie esterna del tessuto. Non sapevamo se fosse possibile misurare il tessuto con sensori sull’ago da biopsia quando l’ago è inserito nel tessuto. Nessuno al mondo era riuscito a farlo prima d’ora», afferma Aharonowitz. «Per via del suo necessario funzionamento in tempo reale, abbiamo sviluppato hardware e software brevettati che devono eseguire il loro compito in modo accurato e istantaneo». Esperimenti ex-vivo effettuati usando dei tessuti estratti hanno dimostrato che il dispositivo è in grado di individuare il tipo di tessuto, incluso il tessuto maligno, e di distinguere tra tessuto sano e canceroso con una precisione dell’84 %, un ottimo tasso di successo per questa fase. Sono iniziati test clinici in vivo su esseri umani, che coinvolgono pazienti sottoposte a procedure di biopsia al seno.

Parole chiave

SmartGuide, biopsia, cancro, cancro al seno, mammografia, lumpectomia

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 738529

Stato

Progetto concluso

  • Data di avvio

    1 Gennaio 2017

  • Data di completamento

    31 Dicembre 2018

Finanziato da:

H2020-EU.3.1.3.

  • Bilancio complessivo:

    € 3 032 500

  • Contributo UE

    € 3 032 500

Coordinato da:

DUNE MEDICAL DEVICES LTD