Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

ISIS TS2 — Risultato in breve

Project ID: 11723
Finanziato nell'ambito di: FP6-INFRASTRUCTURES

Nuovi impianti e strumenti per le informazioni sui materiali

È fondamentale comprendere perché singole sostanze si comportano in un certo modo per sviluppare nuovi materiali fatti su misura per la loro applicazione.
Nuovi impianti e strumenti per le informazioni sui materiali
I finanziamenti UE e collaborativi hanno consentito di migliorare notevolmente la capacità dell'Europa di completare la ricerca con una struttura appena terminata e nuovi strumenti. La struttura ISIS TS2 unisce un acceleratore di particelle lineare e circolare per inviare un fascio di protoni in un "target" di piastre di metallo sottili. Questo bombardamento produce neutroni dispersi (un processo chiamato spallazione) che si possono usare per visualizzare e studiare i materiali a livello atomico. Gli esperimenti sulla diffusione dei neutroni rivela il posizionamento e il comportamento degli atomi che consente ai ricercatori di misurare lo spazio e le forze tra loro.

Il progetto ISIS TS2 (ISIS Target Station 2) puntava a fornire ai ricercatori europei un accesso migliore a una strumentazione unica e specializzata, necessaria per gli studi interdisciplinari che usano questo processo. Questi strumenti si sono dimostrati particolarmente utili per studiare la materia condensata soffice, la scienza biomolecolare, i materiali avanzati e la scienza su nanoscala.

Il successo del progetto si può misurare innanzitutto dalla costruzione degli edifici e dei servizi necessari, dai fasci protonici estratti, dalla stazione target e dai moderatori. Sono poi state raggiunte 1000 ore di uso riuscito del fascio di protoni estratti dell'unità, un compito reso più difficile da alcuni componenti necessari per temperature operative molto basse. Inizialmente lo scopo era creare sette strumenti, di cui sei sono operativi per esperimenti condotti da utenti esterni e il settimo è in fase di messa in servizio.

Aprendo le strutture ISIS TS2 a ricercatori esterni si aiuterà l’Europa a mantenere la sua leadership internazionale nella diffusione dei neutroni, consentendole di rimanere in prima linea in molte aree di ricerca, tecnologia e ingegneria.

Informazioni correlate