Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Mangiate verdure locali!

Gli ortaggi indigeni, ovvero quelli nativi di una regione, possono fare miracoli per dieta, agricoltura, economia e ambiente. Un progetto UE in Africa ha già iniziato a dimostrare la validità di questa filosofia.
Mangiate verdure locali!
L'Africa è un continente svantaggiato nonostante le sue risorse naturali e nello spirito di una gestione globale l'Europa sta dando un aiuto al continente in diversi modi. Uno di questi progetti sta supportando gli agricoltori e l'agricoltura locale rafforzando l'importanza degli ortaggi e dei semi indigeni invece di esportare varietà estere.

Di questo si è occupato il progetto Indigenoveg (Networking to promote the sustainable production and marketing of indigenous vegetables through urban and peri-urban agriculture in sub-Saharan Africa). Questi ortaggi possono avere un ruolo importante per soddisfare l'alimentazione in Africa, supportando l'economia e rispettando l'ambiente.

Il progetto ha creato un forum in cui i partner possono condividere informazioni e divulgare le migliori prassi a scienziati, responsabili politici, consumatori e agricoltori. Il workshop alla fine del progetto nel 2008 ha preparato bozze di raccomandazioni politiche per i donatori internazionali e per le agenzie di sviluppo, nonché per i governi, le organizzazioni non governative (ONG) e il settore privato.

Queste raccomandazioni sono state presentate ai responsabili politici provenienti da diversi paesi africani nel corso del workshop e sono state create su misura per ognuno in gruppi di lavoro separati. È stato inoltre pubblicato il libro Indigenoveg, che si occupa di varietà locali di piante e ortaggi quali senape etiope, cavolo africano, ibisco, iuta, amaranto, melanzana etiope ecc. Tratta pratiche di coltura, alimentazione, usi, ricette e molto altro.

I risultati di questo progetto potrebbero migliorare la sussistenza delle popolazioni locali, ridurre la povertà, dare potere alle donne che partecipano maggiormente alla coltivazione e potenziare l'economia locale. Le raccomandazioni del progetto potrebbero inoltre dare il via a più possibilità di marketing, commercio ed export e potrebbe nascere un modello di alimentazione più sostenibile in alcune parti dell'Africa. La tutela delle varietà indigene è la strada da seguire per un futuro migliore.

Informazioni correlate