Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una finestra sulla storia antica

Gli sforzi per trovare metodi migliori per conservare importanti siti archeologici in Nord Africa hanno portato buoni frutti. Nuove conoscenze sulle origini delle pietre, su degradazione e riabilitazione, contribuiranno a prolungare la vita di questi straordinari monumenti.
Una finestra sulla storia antica
L'area attorno al bacino del Mediterraneo ospita alcuni dei siti archeologici più spettacolari della nostra epoca. Purtroppo la pressione socioeconomica che pesa su alcuni paesi ha causato un'incuria di questi siti.

Il progetto Medistone (Preservation of ancient Mediterranean sites in terms of ornamental and building stone: from determining stone provenance to proposing conservation/restoration techniques), finanziato dall'UE, ha studiato come poter riabilitare tre importanti siti in Nord Africa. Si tratta di Djemila in Algeria, del faro di Alessandria in Egitto e di Volubilis in Marocco.

Il progetto ha iniziato con l'identificazione delle pietre e della loro origine, inclusi i precedenti siti di cava laddove possibile. Ha inoltre diagnosticato la condizione in cui versavano rovine e pietre e il grado di deterioramento. Sono quindi stati esaminati i fattori che potrebbero influire sulla pietra, quali variazioni di temperatura, forti venti e altre condizioni climatiche.

Dopo aver documentato tutte le informazioni base, Medistone ha indicato gli approcci ideali per conservazione e restauro. Ha cercato di studiare le principali sfide della conservazione e del restauro delle pietre in base al know-how europeo, considerando anche tutti i fattori locali.

Il progetto ha identificato con successo le pietre del faro di Alessandria e ha offerto molte conoscenze sulle pietre egizie. Inoltre, Medistone ha individuato le origini e le caratteristiche delle pietre ornamentali e da costruzione di Djemila, offrendo preziose conoscenze sui siti algerini e sulle origini di quelle pietre. Anche in Marocco sono stati fatti importanti passi avanti, ampliando il database globale di informazioni sulle origini delle rovine e delle relative pietre.

Il progetto ha prodotto numerose pubblicazioni sui risultati, che ora aprono la strada alle tecniche di restauro più appropriate. Una corretta conservazione di questi siti punta a mettere in evidenza gli importanti siti archeologici in questi paesi, a promuovere il turismo e a contribuire alla conservazione di parte del nostro patrimonio mondiale.

Informazioni correlate