Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

SAFERDRILL — Risultato in breve

Project ID: 16842
Finanziato nell'ambito di: FP6-SME
Paese: Italia

Robotica per la sicurezza e il monitoraggio del terreno

Le frane sono un grave pericolo in molte parti del mondo e causano molte vittime e feriti. Tra le misure di prevenzione vi sono il drenaggio dei terreni, le perizie geologiche e il sondaggio in profondità.
Robotica per la sicurezza e il monitoraggio del terreno
Nuovi dispositivi robotici possono sostituire l'uomo in situazioni pericolose e costose come le frane. Questi dispositivi possono esaminare il terreno, entrano nel suolo e rilasciano sacche d'acqua.

Il progetto Saferdrill ("A remotely controlled autonomous walking and climbing robot for faster and safer landslide monitoring, slope stability analysis and consolidation"), finanziato dall'UE, ha sviluppato un robot rampicante per condurre sondaggi in profondità in ambienti difficili. Il progetto ha definito i requisiti e la progettazione per il robot per creare un prototipo e il relativo sistema di controllo remoto.

L'equipe del progetto ha sviluppato un prototipo virtuale per diversi moduli del robot e ha poi prodotto le diverse parti. Nella prima fase questi moduli includevano la piattaforma robotica, il componente di perforazione, il sistema di controllo e l'interfaccia uomo macchina, tutti completamente prototipizzati. Sono poi stati creati un tenditore, un sistema di navigazione e sensori appropriati.

L'equipe di Saferdrill ha perfezionato tutte le singole parti, inclusi i componenti idraulici, elettrici e meccanici, consentendo al robot di funzionare correttamente in condizioni ambientali difficili. I membri dell'equipe hanno esaminato anche problematiche quali la resistenza a vibrazione, polvere, pioggia, urti e diverse condizioni di luce. È stato inoltre sviluppato un software di imaging tridimensionale (3D) per stimare la profondità. Questo e altri moduli software consentono all'operatore di analizzare i dati dei sensori del sistema e fornire informazioni in tempo reale su come procedere.

I test iniziali sul prototipo erano molto promettenti, tanto che i partner di progetto hanno richiesto un brevetto per proteggere la nuova tecnologia. Quando il sistema si potrà sfruttare, geologi ed esperti nei relativi campi avranno a disposizione un nuovo e potente strumento per migliorare la sicurezza del terreno e salvare la vita a molte persone.

Informazioni correlate