Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

C3-CAPTURE — Risultato in breve

Project ID: 19914
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV
Paese: Germania

La cattura dell'anidride carbonica migliora l'ambiente

Le tecnologie di cattura dell'anidride carbonica contrastano gli effetti negativi che i livelli indesiderabili di questa sostanza esercitano sull'ambiente. Le applicazioni in questo settore sono particolarmente richieste dagli impianti che rilasciano anidride carbonica nell'atmosfera.
La cattura dell'anidride carbonica migliora l'ambiente
Il progetto C3-Capture ("Calcium cycle for efficient and low cost CO2 capture in fluidized bed systems") aveva l'obiettivo di sviluppare un sistema avanzato per la cattura dell'anidride carbonica (CO2) a secco applicabile sia ai sistemi di combustione per polverizzazione (PF) sia ai sistemi di caldaie a letto fluido circolante (CFB). Il progetto finanziato dall'UE ha approfondito in particolare due alternative per la cattura del CO2 dai sistemi di caldaie Lo sviluppo dell'opzione atmosferica integrata per la cattura post-combustione dalle caldaie PF o CFB era destinata a un'applicazione in un impianto pilota. La seconda alternativa riguardava invece un sistema di cattura sul posto per caldaie con combustione a letto fluido pressurizzato (PFBC).

Le attività del progetto hanno confermato la possibilità di creare un sistema commerciale con entrambi i tipi di letti fluidi utilizzando parametri vicini a quelli dei normali letti fluidi circolanti. Grazie a un nuovo ciclo di alimentazione a vapore supercritico ad altissima efficienza, inoltre, è possibile recuperare la maggior parte del calore presente nel sistema di cattura.

Uno dei vantaggi principali del sistema consiste nel fatto che la potenza supplementare generata riduce in modo significativo i costi di cattura dell'anidride carbonica. I risparmi ottenuti permettono così di coprire i consistenti costi di investimento necessari per l'installazione e il funzionamento del sistema. Questi risultati, naturalmente, si basano sul presupposto di un numero minimo predeterminato di ore di funzionamento. Un ulteriore vantaggio economico deriva dalla vendita del materiale disattivato eliminato dal sistema ad aziende del settore cementifero.

I test sperimentali svolti hanno dimostrato la fattibilità del processo per dimensioni di ricerca di base. Per analizzare in modo completo gli aspetti idrodinamici del processo, tuttavia, è necessario costruire un nuovo impianto sperimentale di dimensioni maggiori che consenta di eseguire un test pilota di portata più ampia. Un approccio di questo tipo consentirebbe una fase di conferma intermedia tra il laboratorio e la dimostrazione e permetterebbe di elaborare piani di riserva relativi alla produzione di CO2 secondo specifica.

Informazioni correlate