Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

CHINOS — Risultato in breve

Project ID: 31418
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV
Paese: Germania

Rimanere in contatto durante la spedizione e la movimentazione delle merci

Molti hanno avuto la triste esperienza di inviare o ricevere un pacco preparato con cura tranne poi averlo perso lungo il tragitto o vederlo arrivare danneggiato o incompleto. I ricercatori UE hanno sviluppato un sistema completo per il monitoraggio e l'individuazione in tempo reale di danni o perdite che possono rendere tutto ciò un ricordo del passato, o per lo meno permettono di assegnare in modo definito le responsabilità.
Rimanere in contatto durante la spedizione e la movimentazione delle merci
I metodi attuali di tracciatura delle spedizioni coinvolgono solo alcuni punti del cammino della spedizione, come la spedizione e ricezione presso i porti e alcuni luoghi di controllo doganale. Inoltre, i metodi impiegato non sono universalmente simili né generalmente compatibili tra loro, rendendo molto difficile la condivisione dei dati e l'assegnazione di responsabilità o dolo. Per di più, i singoli metodi generalmente non sono compatibili con gli standard proposti a livello mondiale.

Il progetto Chinos ("Container handling in intermodal nodes - optimal and secure") è stato concepito per sviluppare un sistema in grado di affrontare tutti questi problemi. In particolare, i ricercatori hanno focalizzato l'attenzione sull'integrazione di tre aspetti critici del monitoraggio dello stato del container (identificazione, stato della sigillatura e documentazione inerenti ai danni) in un unico sistema completamente elettronico e compatibile con gli standard di spedizione proposti al livello globale.

In particolare, ad ogni container è collegato un "tag" o transponder per l'identificazione elettronica a radiofrequenza (RFID). I ricercatori hanno incluso un sigillo elettronico, chiamato anche e-sigillo, in grado di migliorare i meccanismi esistenti di sigillatura delle porte combinandolo con la tecnologia RFID e sistemi elettronici di sicurezza antimanomissione. Insieme, tali sistemi consentono l'identificazione univoca del container e l'accertamento dell'integrità del sigillo.

I ricercatori hanno incluso un sistema di documentazione dei danni (DDS) per rilevare eventuali danni accidentali causati durante la movimentazione, al fine di evitare manomissioni o fessure, in modo che il sigillo non possa essere staccato senza autorizzazione. In caso di danni al container, è possibile identificare la posizione globale in cui il danno è avvenuto, facilitando l'assegnazione delle responsabilità.

Il sistema Chinos è stato progettato per essere accessibile via Internet in modo tale che il gestore di eventi a catena (CEM) possa avvisare gli operatori remoti in caso di discrepanze nei dati di spedizione. In questo modo, il sistema Chinos consente il monitoraggio remoto e l'identificazione in tempo reale, così come la memorizzazione dei dati e la capacità di recupero per la successiva analisi e valutazione statistica.

Il software e l'hardware Chinos sono già pronti e disponibili in commercio. Il sistema è altamente affidabile e offre vantaggi di costo e maggiore competitività per gli utenti, diventando così il leader sul mercato nella fornitura del controllo globale delle spedizioni in tutto il mondo che finora mancava. Tutto ciò che resta da fare per effettuare spedizioni più sicure è adottare il sistema Chinos dal settore dei trasporti marittimi (per maggiori dettagli, consultare il sito www.chinos-rfid.eu).

Informazioni correlate