Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Scienza e tecnologia oltre i confini

L'Unione europea ha esaminato la creazione di una piattaforma di cooperazione e sviluppo di altre iniziative al fine di costruire dei ponti nella scienza e nella tecnologia con la Russia e l'Ucraina.
Scienza e tecnologia oltre i confini
L'UE ha sempre cercato di rafforzare la cooperazione con i propri vicini su molti livelli, soprattutto per quanto riguarda la scienza e la tecnologia (S&T). Il progetto SCOPE-EAST ("Scenarios for a co-ordinated approach to sustainable S/T co-operation with the Eastern Neighbours of the EU") ha cercato di rafforzare la collaborazione su questo fronte tra gli Stati dell'UE, la Russia e i paesi dell'est europeo. Il progetto ha cercato di mettere insieme le strategie di cooperazione dei diversi paesi con quelle dell'UE, soprattutto per quanto riguarda la Russia e l'Ucraina.

In termini più particolari, il progetto è stato finalizzato all'identificazione di aree comuni di ricerca, favorendo canali di comunicazione sostenibili e stabilendo una piattaforma di coordinamento delle parti interessate tra le diverse regioni. Il progetto SCOPE-EAST ha altresì cercato di definire delle raccomandazioni alle parti interessate e ai politici che potrebbero contribuire a rafforzare la cooperazione S&T.

Il progetto è iniziato con una mappatura strategica completa delle aree di ricerca S&T mediante la conduzione di interviste con i ministeri e le principali organizzazioni in alcuni paesi dell'UE, della Russia e dell'Ucraina. Si è proceduto ad analizzare il potenziale di ricerca dei paesi terzi, guardando alla loro cooperazione in iniziative dell'Unione europea e alla partecipazione al Sesto Programma Quadro dell'UE (6° PQ). Ciò ha portato alla luce le tendenze e le esigenze di cooperazione scientifica e tecnologica.

Il progetto SCOPE-EAST ha quindi stabilito una piattaforma di comunicazione sostenibile e di coordinamento composta dai rappresentanti delle principali organizzazioni di tutte le regioni coinvolte. Ha altresì proposto future attività congiunte nell'ambito del 7° PQ. Tale iniziativa ha comportato l'organizzazione di convegni e workshop in diversi settori, compresa la biotecnologia, le malattie infettive, le nanotecnologie e i biocarburanti.

Il progetto ha, infine, pubblicato un documento strategico sugli scenari per un approccio coordinato alla cooperazione sostenibile con i vicini paesi dell'est europeo e alla diffusione dei risultati attraverso vari meccanismi. Indubbiamente, la ritrovata collaborazione in diversi settori ha prodotto benefici sotto ogni aspetto, creando preziose conoscenze, incoraggiando la competitività e rafforzamento la Politica europea di vicinato.

Informazioni correlate