Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

SAUVEUR — Risultato in breve

Project ID: 22697
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Repubblica ceca

Preservare il nostro passato attraverso iniziative future

Un'iniziativa incentrata sui beni culturali ha organizzato una conferenza per promuovere i risultati di progetti pertinenti ed evidenziare la necessità di integrare la futura ricerca a vantaggio dei cittadini europei.
Preservare il nostro passato attraverso iniziative future
Il progetto Sauveur ("Safeguarded cultural heritage-understanding and viability for the enlarged Europe") è stato istituito come progetto SSP ("Specific Support to Policy"), all'interno del sesto programma quadro (), per l'organizzazione della settima conferenza CE sulla ricerca sul patrimonio culturale. La conferenza si è tenuta a Praga nel 2006 e mirava a fondere insieme i progetti di ricerca dell'UE sul patrimonio culturale mobile e immobile e valutarne i risultati.

Nelle intenzioni dei partner del progetto la conferenza di Praga doveva contribuire a definire ulteriormente il ruolo della ricerca europea sul patrimonio culturale all'interno di un contesto internazionale, ed esplorare le opportunità delle piccole e medie imprese (PMI) di contribuire alla competitività e alla creazione di lavoro. Volevano inoltre contribuire al 6º PQ per mezzo dell'evento, sostenendo lo sviluppo del concetto e delle infrastrutture di ricerca della Piattaforma tecnologica europea delle costruzioni (ECTP).

Sono intervenuti oltre 280 partecipanti da 37 paesi: hanno tenuto le loro presentazioni e mostrato poster su "L'impatto delle politiche dell'UE sul patrimonio culturale europeo", "Il coordinamento della ricerca e dell'educazione a livello nazionale" e "Le sfide del patrimonio culturale europeo". Si sono tenute anche sessioni parallele su "Beni mobili", "Beni immobili", "Città, paesaggi e villaggi" e "Infrastrutture della ricerca" applicabili al patrimonio culturale.

Le tematiche e i problemi riguardanti il patrimonio europeo mobile e immobile sono collegati agli sviluppi economici, ai cambiamenti culturali, agli impatti sociali, al turismo in crescita, alle minacce derivanti dai rischi naturali e dalla gestione inadeguata del patrimonio culturale. Tutti questi argomenti richiedono una continua ricerca sul patrimonio culturale e lo sviluppo di tecnologie ambientali avanzate. Ciò dovrebbe essere realizzato grazie alla conoscenza generata dalla ricerca inerente e adattando gli sviluppi scientifici provenienti da altri settori.

Erano esposti oltre 100 poster sulle tematiche delle sessioni parallele e una sala dimostrativa conteneva processi e prodotti innovativi. L'accesso pubblico a un'ampia gamma di attività della conferenza ha segnato il carattere innovativo della sua organizzazione e ne ha amplificato l'impatto.

Il messaggio conclusivo di Praga è stato adottato alla sessione plenaria conclusiva, e il documento ha presentato il punto di vista congiunto dei rappresentanti delle istituzioni europee e internazionali che sostenevano la ricerca sul patrimonio culturale. I soggetti coinvolti hanno espresso la volontà di far includere il patrimonio culturale nelle politiche e nei programmi di ricerca a livello nazionale e di Unione Europea. Inoltre i governi nazionali e regionali e le autorità e organizzazioni europee competenti dovrebbero includere la ricerca sul patrimonio culturale e il sostegno alle relative infrastrutture di ricerca tra gli obiettivi dei loro programmi di ricerca. È stata inoltre asserita la necessità di aprire strade per superare la frammentazione della ricerca in favore della comunità dei ricercatori che si occupano di patrimonio culturale, così come quella di promuovere una maggior partecipazione del pubblico nella ricerca sul patrimonio culturale. Quest'ultimo elemento è particolarmente importante considerati gli impatti favorevoli su ambiente, energia, sostenibilità e qualità della vita.

Sono stati pubblicati due volumi di atti della conferenza, e si è progettato di mantenere il sito web di Sauveur come strumento divulgativo per i cinque anni successivi al momento culminante del progetto. Le conclusioni della conferenza sono state distribuite tra i delegati e i rappresentanti del patrimonio culturale nazionale.

Informazioni correlate