Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

WETO-H2 — Risultato in breve

Project ID: 501669
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Francia

Il futuro dell'energia

Per garantire un futuro più sostenibile, è importante approfondire gli studi per mutare i requisiti energetici mondiali nei prossimi decenni. In quest'ambito, un tentativo effettuato in UE implica tre possibili esiti.
Il futuro dell'energia
In presenza di problematiche come i cambiamenti climatici e l'inquinamento, che minacciano il pianeta, il paradigma dell'energia deve tendere a un modello più sostenibile per poter garantire ai nostri discendenti un futuro di benessere. Come sarà il sistema energetico mondiale nel 2050?

Con il progetto WETO-H2 ("World energy technology outlook - 2050"), finanziato dall'UE, è stata creata una proiezione di principio del sistema energetico globale, oltre a due ulteriori scenari basati sul carbonio e sull'idrogeno. Per la formulazione di questi scenari, nel progetto sono stati considerati i mercati globali dell'energia (petrolio e gas), i vincoli, le nuove tecnologie, le politiche sul clima, le tendenze della tecnologia e le risorse disponibili.

Il team del progetto WETO-H2 ha concluso che a fronte di un incremento di 4 volte dell'economia mondiale i consumi energetici globali aumenteranno solo di 2,2 volte; il miglioramento dell'efficienza dell'energia è dovuto ai miglioramenti delle politiche, delle economie e delle tecnologie. Il progetto, inoltre, ha evidenziato che l'aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale rispecchia una scarsità sempre maggiore di tali risorse, mentre la produzione di elettricità totale entro il 2050 quadruplicherà.

I risultati del progetto, tra l'altro, indicavano una ripresa del carbone per la produzione di elettricità, ma tramite la sua conversione tramite nuove tecnologie. Le fonti energetiche non fossili compenseranno parzialmente le emissioni del carbone, ma quelle di biossido di carbonio (CO2) nel 2050 raggiungeranno livelli elevatissimi, pari a 900-1000 ppmv (parti per milione per volume). Si prevede un aumento del consumo di gas, mentre lo sviluppo di fonti di energie rinnovabili accelererà e si ricorrerà nuovamente all'energia nucleare.

Il modello principale include vantaggi e svantaggi, ma il sistema energetico globale vincolato al carbonio e il modello a idrogeno sono in realtà più ottimistici, e potrebbero fornire ai ricercatori e ai politici nuovi sentieri verso un futuro più verde, accrescendo l'attenzione dell'industria alle problematiche ecologiche. Le tre proiezioni sono importanti se tutti contribuiranno a una maggiore sostenibilità del pianeta e si conformeranno al profilo pionieristico dell'Europa.

Informazioni correlate