Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

PRONE — Risultato in breve

Project ID: 22589
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Finlandia

La necessità di una regolamentazione definitiva della gestione della pesca

I problemi del settore ittico europeo variano notevolmente da una regione all'altra, per cui progetto specifico era incentrato sullo sviluppo di un sistema flessibile per la gestione dei rischi che rispondesse alle esigenze del settore.
La necessità di una regolamentazione definitiva della gestione della pesca
Anche se la pesca incontrollata rimane il problema principale del settore, purtroppo non è l'unico: si pensi all'inquinamento, alle dispute internazionali sui diritti di pesca e alla riduzione della domanda a causa della crisi finanziaria globale. I manager del settore ittico che saranno capaci di affrontare efficacemente queste problematiche si assicureranno un futuro in questo mercato estremamente competitivo.

Lo scopo del progetto Prone ("Precautionary risk methodology in fisheries") era l'applicazione alla gestione della pesca di metodi statistici avanzati, utilizzati comunemente in altri campi; a tale scopo, sono stati selezionati quattro case study, in varie regioni, per poter garantire una sperimentazione ad ampio raggio.

Per evitare la pesca incontrollata, è indispensabile disporre di una stima precisa delle riserve ittiche, ma non si possono certo contare tutti i pesci; il team del progetto Prone ha scoperto che l'approccio statistico di tipo bayesiano è più efficace delle tecniche convenzionali per la stima delle riserve, specialmente quando l'incertezza è notevole.

In un ambito totalmente differente, la teoria dei giochi si è rivelata particolarmente idonea per la valutazione dei rischi intrinseci nelle negoziazioni internazionali, laddove le scelte possibili dipendono da quelle effettuate dagli altri. Nel corso del progetto Prone sono state considerate anche le problematiche inerenti al ripopolamento delle risorse, ai rischi di intossicazione alimentare e alla classificazione dei rischi.

La ricerca del progetto Prone, in definitiva, ha dimostrato che accanto all'importanza delle componenti teoriche, l'elemento umano non può essere ignorato ed è spesso un elemento chiave nell'esito della gestione del rischio; non sorprende, quindi, che si è reso necessario un notevole impegno per comunicare i risultati ai vari interessati del settore ittico. Molti sono gli articoli scientifici pubblicati e molti i nuovi materiali formativi sviluppati.

I progetti di ricerca finanziati dall'UE, come il progetto Prone, contribuiscono notevolmente al miglioramento e all'aumento della redditività del settore ittico europeo.

Informazioni correlate