Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Lavoratori sani e ceramiche migliori per le PMI

La salute dei lavoratori e la legislazione in materia rappresentano due aspetti cruciali per la salute e la sicurezza dei lavoratori e di tutti gli individui. Alcuni ricercatori finanziati dall'UE hanno fatto luce sulla sicurezza delle varie forme di silice cristallina respirabile (RCS) che dovrebbero contribuire a proteggere i lavoratori e a fornire al contempo sostegno alle aziende che utilizzano forme non tossiche.
Lavoratori sani e ceramiche migliori per le PMI
Uno dei numerosi composti sul cui utilizzo sono state applicate limitazioni negli ultimi anni è la RCS, identificata a livello scientifico quale causa primaria della silicosi, una forma di fibrosi polmonare che provoca difficoltà respiratorie fino alla morte prematura.

Il Comitato scientifico europeo per i limiti dell'esposizione professionale (SCOEL) sta preparando una serie di misure legislative finalizzate alla definizione di un unico limite minimo del livello di esposizione sulla base dell'attuale conoscenza scientifica. Tuttavia, le ricerche hanno dimostrato che forme diverse di RCS hanno effetti tossicologici diversi basati sulla quantità di polvere che penetra effettivamente nei polmoni.

Numerose industrie del settore ceramico, segnatamente le piccole e medie imprese (PMI), potrebbero andare incontro a enormi costi e, di conseguenza, essere messe di fronte ad una ridotta possibilità di sopravvivenza se fossero obbligate a rispettare un limite minimo generalizzato di esposizione alla RCS, nonostante il fatto che i relativi processi potrebbero in effetti non costituire un rischio in tal senso.

Il progetto Siliceram è stato sviluppato allo scopo di valutare la tossicità delle varie forme di RCS e di snellire, in tal modo, le misure legislative finalizzate sia alla tutela dei lavoratori sia ad una migliore sopravvivenza delle PMI nel settore delle ceramiche.

La modellazione matematica ha dimostrato che le probabilità di penetrazione nei polmoni delle polveri di RCS dipendono dalle dimensioni delle particelle. Solo una frazione della distribuzione granulometrica è in grado di penetrare nei polmoni, in quanto le particelle di grandi dimensioni vengono espirate.

I risultati del progetto e i dati di tossicità potrebbero far sì che venga stabilita per legge una revisione dei limiti di esposizione dei lavoratori. Gli sviluppi in tale area garantiranno la salute dei lavoratori e incoraggeranno un miglioramento continuo in tal senso senza la necessità di forzare le PMI all'utilizzo di talune forme di RCS con una riduzione dei rischi comprovata nel mercato delle ceramiche.

Informazioni correlate