Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

CAPRI-DYNASPAT — Risultato in breve

Project ID: 501981
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Germania

Riqualificare la politica agricola

Valutare l'impatto della Politica Agricola Comune (PAC) europea in modo più efficace aiuterà i Nuovi stati membri (NMS) a integrarsi nello Spazio Europeo della Ricerca (SER) e a migliorare la definizione di nuove politiche.
Riqualificare la politica agricola
La valutazione dell'efficacia del settore e della legislazione agricoli dell'Europa è stata tradizionalmente compito del sistema modello di valutazione CAPRI (Common Agricultural Policy Regional Impact). Con la crescita dell'Europa e l'emergere di nuove problematiche quali il cambiamento climatico e la disoccupazione rurale, si è manifestata anche l'esigenza di un sistema di valutazione più solido.

Il progetto CAPRI-Dynaspat ("Common agricultural policy regional impact assessment - The dynamic and spatial dimension"), finanziato dall'UE, ha cercato di affrontare questa necessità. Esso mirava a creare un sistema di modelli che coprisse l'UE 25 e incorporasse tutte le sfide ambientali e socioeconomiche.

Una realizzazione di questo tipo permetterebbe ai responsabili politici e ad altri soggetti coinvolti di valutare più efficacemente le misurazioni della PAC dell'UE. Nello specifico permetterebbe loro di valutare in modo affidabile gli effetti della PAC rispetto a uso della terra, produzione, ambiente, occupazione e rendita agricola, sia a livello nazionale che regionale.

Essenzialmente il team del progetto ha lavorato per dimostrare l'efficacia di progetti nuovi quali il CAPRI-Dynaspat, in particolare rispetto agli NMS dell'UE e dell'espansione orientale del blocco. Ha delineato in che modo l'iniziativa può sostenere la definizione di politiche, riunire i ricercatori europei ed essere valutata in modo efficace dagli scienziati.

CAPRI-Dynaspat è stato progettato per enfatizzare la pertinenza delle politiche e sviluppare strumenti che siano di beneficio alla società, tenendo in considerazione la diversità della ricerca europea. In particolare, ha permesso di incorporare nel SER dati provenienti dagli NMS, avvicinando questi ultimi al centro dell'UE. Si prevede come risultato una politica agricola più efficiente che rifletta le realtà di tutta l'UE.

Informazioni correlate