Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

FRONTIERS — Risultato in breve

Project ID: 500328
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Paesi Bassi

L'unione delle forze europee sul fronte della nanotecnologia

Con un'iniziativa finanziata dall'UE sono stati riuniti i più importanti ricercatori europei per consolidare la leadership del continente nel settore della nanotecnologia,
L'unione delle forze europee sul fronte della nanotecnologia
un vasto campo di studio con svariate applicazioni, tra cui il rilascio dei farmaci, alimenti e dispositivi medici. I progressi nel settore sono rapidi e spesso richiedono la cooperazione e la condivisione delle informazioni degli scienziati per garantire la competitività; per integrare la ricerca sulle nanotecnologie e creare una rete di eccellenza tra gli istituti europei dediti a questo settore, l'UE ha creato il progetto Frontiers ("NoE research and facilities directed at instrumentation for manufacturing and analysis of single molecules and individual nanoclusters, targeted at life sciences").

L'obiettivo principale del progetto era il miglioramento dell'efficienza nel settore della ricerca, delle infrastrutture e della formazione nel campo delle nanotecnologie; il progetto, in particolare, era finalizzato al coordinamento della ricerca congiunta tra i partner e all'implementazione di un laboratorio nanoscientifico europeo virtuale. La ricerca si è incentrata sull'applicazione delle nanotecnologie per il rilascio dei farmaci, i nanopori e le tecniche di analisi, ma anche sullo sviluppo di biosensori e superfici nanostrutturate.

Il consorzio, inoltre, ha sviluppato un programma di studi europeo congiunto di alto livello sulle nanotecnologie correlate alla biologia, aperto agli studenti impegnati in questo settore appartenenti agli enti universitari che hanno partecipato al consorzio. Grazie al progetto Frontiers, inoltre, gli studenti hanno organizzato numerose conferenze internazionali (c.d. Inascon) sulle nanoscienze, che hanno ospitato seminari sulla nanotossicologia e le nanoscienze nel mondo della multimedialità. Ulteriore obiettivo del consorzio era il trasferimento delle conoscenze scientifiche per la realizzazione di applicazioni e prodotti industriali.

Il progetto Frontiers è riuscito a unire i ricercatori europei impegnati nel settore della nanotecnologia, incentivando la collaborazione e la condivisione delle infrastrutture; è probabile che si otterrà un consolidamento del ruolo europeo nel settore e un miglioramento delle opportunità commerciali delle nanotecnologie.

Informazioni correlate