Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Sensori medicali incorporati nei vestiti

Il monitoraggio fisiologico remoto dei segni vitali dei pazienti è un modo per ridurre i costi della sanità. Alcuni ricercatori finanziati dall'UE hanno fatto progredire lo stato dell'arte con una tecnologia che impiega sensori "indossabili" tessuti in prodotti tessili comodi e lavabili.
Sensori medicali incorporati nei vestiti
I costi della sanità stanno crescendo per molti fattori, tra cui l'inadeguato utilizzo della medicina preventiva, l'aumento dell'aspettativa di vita, gli stili di vita non sempre salutari e lo stress.

Con il monitoraggio fisiologico remoto (RPM, remote physiological monitoring), i pazienti possono stare nel comfort della propria casa mentre i sanitari possono utilizzare il loro tempo in modo più efficiente ed efficace.

I ricercatori europei miravano a migliorare la tecnologia RPM esistente mettendo a disposizione una comoda unità di monitoraggio indossabile su piattaforma tessile, grazie al finanziamento del progetto Mermoth ("Medical remote monitoring of clothes").

Gli scienziati si sono dapprima concentrati sul monitoraggio dell'attività elettrica del cuore mediante elettrocardiogramma (ECG) e sulla rilevazione del respiro.

I normali elettrodi al gel sono scomodi e presentano numerose altre difficoltà tecniche se portati per periodi di tempo prolungati. Gli scienziati del progetto Mermoth hanno sviluppato elettrodi in acciaio inox intessuti direttamente negli abiti per evitare l'irritazione cutanea.

Tali scienziati hanno inoltre sviluppato un nuovo sensore respiratorio basato su un filo di rame intessuto in una cintura in filo di gomma regolabile. La tensione e il rilassamento dei filati conduttivi durante la respirazione consentivano la rilevazione della frequenza respiratoria.

Il sistema Mermoth era composto dei sensori, di un PDA (personal digital assistant) e di una piattaforma PC. I sensori erano connessi al PDA via cavo nel modello prototipo e il PDA al PC attraverso un collegamento a breve distanza in radio frequenza (RF).

Tutta la tecnologia era basata su sistemi disponibili in commercio e consentivano l'acquisizione dei segnali con possibile rilevazione degli eventi (es. aritmia), la gestione di informazione e comunicazioni e la riduzione del consumo di energia. Ulteriori segnali raccolti comprendevano la temperatura, la pressione e l'accelerazione sanguigna, particolarmente importanti nel monitoraggio di una popolazione sempre più anziana.

I test hanno validato il comfort e l'affidabilità dei segnali in una grande varietà di condizioni. Inoltre, ogni abito poteva essere adattato a tre differenti taglie grazie alla sua natura elastica, migliorando l'economicità della produzione. Per finire, gli abiti erano totalmente lavabili e di facile manutenzione, con costi minimi per acquisto, funzionamento e manutenzione.La diffusa implementazione della tecnologia Mermoth potrebbe avere un sensibile impatto sulla salute e il comfort dei pazienti, diminuendo i costi della sanità per i singoli e, di conseguenza, per i governi.

Informazioni correlate