Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

DIPNET — Risultato in breve

Project ID: 6598
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Francia

Mantenere in salute gli ecosistemi acquatici

Un consorzio europeo ha migliorato lo scambio di conoscenze e l'opinione scientifica nell'area della salute degli animali acquatici attraverso conferenze e laboratori. L'implementazione delle linee guida proposte per la valutazione dei rischi di malattie nei pesci può mantenere in salute le popolazioni di pesce coltivato e selvatico.
Mantenere in salute gli ecosistemi acquatici
Il progetto finanziato dall'UE Dipnet è stato ideato per integrare l'attuale conoscenza sul trasferimento dei patogeni tra le popolazioni di animali acquatici selvatici e coltivati. Un consorzio di 12 partecipanti ha affrontato i problemi chiave richiesti per garantire la sostenibilità e lo sfruttamento responsabile degli ambienti acquatici.

Innanzitutto, è stata completata una panoramica delle attività attuali e dei metodi di sfruttamento nell'epidemiologia e nella sorveglianza di malattie infettive nel pesce e nei crostacei selvatici, e i risultati sono stati presentati in un laboratorio aperto. I metodi diagnostici esistenti sono stati classificati scadenti, evidenziando la necessità di mezzi di rilevamento dei patogeni più precisi ed efficienti sia nelle popolazioni di pesce allevato che selvatico.

I partner del progetto hanno sviluppato un modellamento predittivo per la salute degli animali acquatici, che è stato divulgato agli utenti potenziali attraverso un seminario introduttivo di valutazione dei rischi. I risultati di Dipnet sono stati comunicati alle parti interessate e al pubblico generale attraverso un sito web, newsletter e conferenze internazionali.

Il progetto ha dimostrato la necessità di includere aspetti di interazione delle malattie nelle valutazioni dei rischi per la salute degli animali acquatici in futuro. Contemporaneamente, ha offerto consigli per la gestione della salute dei pesci e le norme nella Commissione europea in base a consigli scientifici sensati e future priorità di ricerca.

Informazioni correlate