Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

ILLIBATT — Risultato in breve

Project ID: 33181
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Germania

Una maggiore sicurezza per le batterie ricaricabili agli ioni di litio

Alcuni scienziati finanziati dall'UE hanno esplorato la possibilità di modificare in modo rilevante le convenzionali batterie agli ioni di litio. La nuova tecnologia potrebbe aumentare notevolmente l'efficienza e la sicurezza, riducendo al tempo stesso l'impatto ambientale.
Una maggiore sicurezza per le batterie ricaricabili agli ioni di litio
Diversamente da un PC da tavolo che assorbe la corrente attraverso un cavo collegato a una presa elettrica, i dispositivi elettronici portatili richiedono una riserva di energia portatile. L'energia portatile o mobile viene fornita attraverso una batteria, vale a dire un dispositivo che accumula e rilascia energia su richiesta.

Una delle batterie utilizzata più comunemente è la batteria agli ioni di litio (Li-ion) ricaricabile. Le batterie Li-ion offrono un'eccellente affidabilità, dimensioni compatte, peso molto contenuto, elevata capacità e cicli di caricamento/scaricamento rapidi: tali caratteristiche ne garantiscono la superiorità rispetto alla maggior parte delle altre batterie ricaricabili presenti sul mercato.

Oltre alla loro estesa popolarità nell'elettronica portatile, stanno conquistando importanti quote di mercato nei dispositivi ad elevata energia, ad esempio gli elettroutensili e i dispositivi utilizzati in applicazioni militari, aerospaziali, mediche e relative a veicoli elettrici.

Alcuni ricercatori europei si sono proposti di sviluppare batterie Li-ion ricaricabili migliori e più sicure, da integrare nelle fonti di energia rinnovabili (ad esempio celle solari) avvalendosi del finanziamento riservato dall'UE al progetto Illibatt ("Ionic liquid lithium based batteries").

Le batterie Li-ion convenzionali sono formate da due elettrodi (l'anodo e il catodo) e un elettrolita (la soluzione conduttrice della carica) di ioni Li+ in un solvente organico (non acquoso).

La novità di Illibatt consisteva nello sviluppo di componenti a stato solido, in particolare la soluzione elettrolitica, in base a nuovi liquidi ionici e composti da essi formati. Gli elettroliti in gel basati su liquido ionico presenti nel prototipo finale di elemento di batteria produrrebbero pile interamente a stato solido, caratterizzate da maggiore sicurezza e impatto ambientale minimo. Il team ha anche studiato l'intero sistema della batteria al fine di sviluppare nuovi anodi nanostrutturati anche in questo caso in base a nuovi liquidi ionici.

Nel complesso, Illibatt ha indagato sullo sviluppo di batterie Li-ion ricaricabili interamente a stato solido, dotate di un rapporto energia/peso estremamente elevato e un'efficienza energetica che si serve di liquidi ionici non volatili e termostabili. La commercializzazione dei concetti potrebbe rendere l'energia solare verde ancora più verde.

Informazioni correlate