Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Triplo attacco alle infezioni dei ruminanti

La ricerca finanziata dall'UE ha registrato nuovi progressi nella lotta per limitare e debellare le malattie infettive virali dei ruminanti. Una combinazione di vaccini migliorati, metodi diagnostici sensibili e sistemi di sorveglianza promette di fornire la risposta ai problemi di molti paesi che soffrono di un'elevata morbilità di queste patologie.
Triplo attacco alle infezioni dei ruminanti
La peste bovina e la peste dei piccoli ruminanti (PPR) sono considerate tra le infezioni mortali più temibili del bestiame. Endemiche in Africa e in Asia, i patogeni infettivi che le provocano sono inclusi nell'elenco dei più pericolosi del mondo.

Le autorità si stanno impegnando considerevolmente per evitare la loro diffusione da un paese all'altro e per garantire prodotti animali sicuri. Attualmente, la vaccinazione è l'unico metodo che permette di tenere sotto controllo questa patologia.

L'obiettivo principale dell'iniziativa RP/PPR Markvac, finanziata dall'UE, era lo sviluppo di una vaccinazione efficace contro entrambe queste malattie, a protezione degli allevamenti. Inoltre, i partner del progetto hanno cercato di sviluppare metodi diagnostici per distinguere gli animali infetti da quelli vaccinati.

Lo studio del vaccino si è basato sulla genetica inversa degli attuali ceppi attenuati e su organismi geneticamente modificati (OGM). La nuova generazione di vaccini è stata caratterizzata dal consorzio in termini di attività biologica, stabilità, percorso di somministrazione ed efficacia.

La validità dei vaccini è stata valutata tramite test diagnostici potenziati di tipo ELISA per la rilevazione degli anticorpi ai marcatori positivi e negativi del vaccino. Questi test dovrebbero inoltre permettere di comprendere meglio le caratteristiche epidemiologiche delle due patologie.

Per favorire il controllo delle malattie, è stato creato un sistema informativo geografico dotato di mappe complete dei paesi, con la relativa frequenza di insorgenza, modelli di trasmissione e supporto decisionale per gli interventi. Queste informazioni serviranno per formulare strategie di sorveglianza e di controllo della PPR nei paesi enzootici.

L'azione combinata di migliori diagnosi, vaccini più efficaci e tecnologia per sistemi di sorveglianza della patologia permetterà di giungere a iniziative di vaccinazione più mirate e all'adozione delle necessarie misure di controllo. L'auspicio è che 'implementazione dell'approccio RP/PPR Markvac nelle aree a rischio di infezione permetta di ridurre al minimo l'insorgenza e la diffusione virale, con effetti positivi sull'allevamento e sulle economie delle aree rurali.

Informazioni correlate