Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

TIMODAZ — Risultato in breve

Project ID: 36449
Finanziato nell'ambito di: FP6-EURATOM-NUWASTE
Paese: Belgio

Esplorazione di modi più sicuri per eliminare i rifiuti radioattivi

L'energia nucleare è una forma di energia "pulita" che non produce gas effetto serra. Gli scienziati finanziati dall'UE hanno aiutato a rendere più ecologico anche lo smaltimento dei rifiuti.
Esplorazione di modi più sicuri per eliminare i rifiuti radioattivi
Le formazioni profonde di argilla sono siti promettenti per lo smaltimento di rifiuti radioattivi. L'argilla è dotata di proprietà di particolare interesse nel contenimento e nell'isolamento di tali rifiuti, tra cui la bassa permeabilità, il trasporto a bassa diffusione e la capacità di tenuta.

Mentre l'argilla è un mezzo promettente di contenimento, la creazione di siti di smaltimento mediante l'apertura di fori di grandi dimensioni può danneggiare la roccia circostante, compromettendo di conseguenza queste proprietà.

Per valutare la sicurezza a lungo termine di tali siti, i ricercatori europei hanno avviato il progetto Timodaz ("Thermal impact on the damaged zone around a radioactive waste disposal in clay host rocks").

La zona danneggiata dagli scavi (EDZ) è una regione che presenta significative modifiche nelle proprietà idromeccaniche e geochimiche (proprietà termiche, idriche, meccaniche e chimiche, THMC), creando modifiche di flusso, trasporto e permeabilità. Gli scienziati hanno cercato di caratterizzare gli effetti dei rifiuti radioattivi che generano calore, rifiuti che producono un'enorme quantità di calore mentre si decompongono, sull'evoluzione dell'EDZ.

Sono stati sviluppati strumenti numerici per analizzare l'influenza dell'aumento della temperatura e la sua distribuzione sulle proprietà THMC in tre diversi tipi di argilla. Gli strumenti hanno completato il lavoro sperimentale, comprese le verifiche di laboratorio e sul campo.

I risultati di Timodaz hanno fornito una visione importante, consentendo la verifica della zona danneggiata termicamente in relazione alla sicurezza dei depositi di argilla per i rifiuti nucleari. Metodi di smaltimento più sicuri possono aiutare a dare una svolta all'energia nucleare, fornendo materiale aggiuntivo alla discussione sull'energia pulita.

Informazioni correlate