Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

SESAME — Risultato in breve

Project ID: 36949
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV
Paese: Grecia

Aprire le previsioni per gli ecosistemi marini europei

Un importante progetto, Sesame, ha valutato i cambiamenti degli ecosistemi nel Mare Mediterraneo e nel Mar Nero negli ultimi 50 anni. L'obiettivo generale era prevedere la capacità di fornire beni e servizi che questi due bacini in rapida evoluzione avranno nelle decadi a venire.
Aprire le previsioni per gli ecosistemi marini europei
Il progetto Sesame ("Southern European seas: Assessing and modelling ecosystem changes") ha raccolto nuovi dati nel corso di crociere oceanografiche multidisciplinari. Quest'attività ha fornito un quadro completamente nuovo del mar Mediterraneo e mar Nero, nonché dati essenziali per la convalida di modelli. Le previsioni riguarderanno le risposte degli ecosistemi ai cambiamenti nelle forze climatiche e antropogeniche.

Lo studio Sesame ha incorporato l'effetto della variabilità degli ecosistemi su una serie di beni e servizi fondamentali, tra cui turismo, pesca, stabilità dell'ecosistema attraverso la conservazione della biodiversità, e riduzione del cambiamento climatico tramite il sequestro del carbonio nell'acqua e nei sedimenti.

Scienziati nei settori di biologia marina, biodiversità, oceanografia fisica e chimica, e socioeconomia hanno collaborato per integrare le aree delle scienze naturali ed economiche. Poiché entrambi i mari sono soggetti a grandi cambiamenti nell'arco temporale di una decade e addirittura di un anno, le simulazioni che utilizzano i dati da questa gamma di discipline promettono di fornire modelli più accurati di sostenibilità.

Sesame ha guardato ai mari Mediterraneo e Nero come a un grande sistema interconnesso. L'identificazione dei principali cambiamenti di regime negli ultimi 50 anni e l'elaborazione di previsioni proiettate sullo stesso periodo di tempo nel futuro aiuterà a creare una soluzione di gestione sostenibile per i loro ecosistemi.

Informazioni correlate