Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il consulto virtuale per una migliore assistenza sanitaria

È pratica comune per i medici consultarsi sui propri casi per giungere alla diagnosi corretta e garantire la migliore assistenza sanitaria per i pazienti. Ma in molte regioni è difficile trovare un numero sufficiente di esperti. Una rete virtuale finanziata dall'UE sta continuando ad aiutare i medici dell'Africa e dell'America Latina a condividere la loro esperienza.
Il consulto virtuale per una migliore assistenza sanitaria
Le seconde opinioni e i consulti tra specialisti sono parte integrante della professione medica, che aiutano a evitare errori nella diagnosi e nel trattamento facilitando contemporaneamente la massima qualità dell'assistenza sanitaria. Ma in molte parti di Africa e America Latina accedere al sapere di altri esperti in un determinato settore medico, specialmente nei campi delle malattie rari, è una sfida enorme.

Una soluzione è passare al virtuale, che è esattamente quello che il progetto ISA ("iNTER Support Action - International Network of Teleconsultation Excellence and Referral") ha deciso di fare. Finanziato dal tema "Salute" del Settimo programma quadro (7º PQ) dell'UE, il progetto ha creato una piattaforma web 2.0 per permettere lo scambio di immagini, video e cartelle mediche tra specialisti in Africa, America latina ed Europa.

In seguito a una minuziosa convalida tecnica e clinica la piattaforma ISA ha dimostrato la propria efficacia come strumento per migliorare il processo decisionale medico e l'assistenza sanitaria nelle due regioni beneficiarie. I medici che si sono registrati per questo servizio gratuito possono accedere all'esperienza di altri professionisti all'interno del proprio paese e negli altri paesi partecipanti.

Oltre a dimostrare grande forza diagnostica, ISA viene utilizzata sempre più come una preziosa risorsa didattica che dovrebbe migliorare la qualità dell'assistenza sanitaria attraverso il network sul lungo periodo.

Sebbene il progetto sia terminato, il network ISA continua ad approfondirsi e ampliarsi, dimostrando concretamente la propria utilità e sostenibilità. I partner del progetto sperano che la piattaforma continuerà a espandersi in modo organico in nuove direzioni, inclusi i servizi infermieristici e l'oncologia.

Informazioni correlate