Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Pianificazione della ricerca sulla sicurezza a livello europeo

La sicurezza dell'Europa si basa sull'accesso a tecnologie generali e dedicate. Un progetto dell'UE ha esaminato centinaia di queste tecnologie, mettendo in evidenza quelle più importanti e fornendo una guida per l'assegnazione delle priorità e per la pianificazione della ricerca sulla sicurezza.
Pianificazione della ricerca sulla sicurezza a livello europeo
Assicurare un accesso sostenibile a tecnologie di sicurezza essenziali è una priorità della Commissione europea. Questo richiede una valida assegnazione delle priorità alle opzioni di ricerca e di tecnologia.

Il progetto ETCETERA ("Evaluation of critical and emerging technologies for the elaboration of a security research agenda") ha valutato le tecnologie critiche per fornire sicurezza in Europa. Le tecnologie sono state controllate per vedere se dipendevano in alcun modo da fonti extra-europee. Inoltre, tecnologie che adesso sono appena emergenti e che raggiungeranno la maturità tra 10 o 15 anni sono state valutate per quanto riguarda la loro rilevanza per la sicurezza europea.

Sui fondamenti della tassonomia STACCATO, è stato valutato un insieme di oltre 200 tecnologie indispensabili alla sicurezza europea, in relazione alla rispettiva dipendenza da fonti non europee. In presenza di dipendenze (ad es. rilevatori di radiazioni e scanner a raggi X), il gruppo ha proposto percorsi di ricerca per indagare al riguardo e contribuire al loro superamento. Il consorzio ha anche svolto una valutazione simile su un insieme di oltre 120 tecnologie emergenti con implicazioni per la sicurezza, utilizzando tre metodi impiegati contemporaneamente. Le tecnologie candidate sono state classificate secondo l'impatto atteso tra il 2020 e il 2030. Tra le aree fondamentali identificate c'erano i metodi di crittazione, i sistemi di comunicazione, i sensori, le tecnologie di mobilità e gli algoritmi avanzati.

Per raggiungere gli obiettivi del progetto, sono stati usati numerosissimi metodi, come la ricerca secondaria, la scientometria e un metodo di valutazione con parte ponderata per raccogliere l'opinione degli esperti. Tra gli altri metodi c'erano una metodologia di filtraggio TEPID-OIL adattata (ITIPOLITRE) e un workshop parallelo che applicava il metodo del World Café. Sono stati usati un Gioco per la valutazione di tecnologia emergente per la sicurezza (SETAG) e un processo di scenario complesso.

Alcuni di questi metodi sono stati sviluppati specificamente per il progetto ETCETERA e/o applicati nel contesto della pianificazione della ricerca per la sicurezza per la prima volta. È stata fatta un'analisi comparativa dei metodi applicati e sono state fatte raccomandazioni per il loro uso nella pianificazione della ricerca per la sicurezza. Questo permetterà di fare scelte migliori per quanto riguarda la metodologia nelle future attività di pianificazione.

Grazie a ETCETERA, la Commissione europea adesso dispone di più informazioni riguardanti le priorità per le tecnologie di sicurezza e ha a disposizione diversi metodi per la pianificazione della ricerca per la sicurezza.

Informazioni correlate

Argomenti

Security

Keywords

sicurezza, tecnologie critiche, tecnologie emergenti, pianificazione della ricerca, metodologia