Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Passare ai laser ultraveloci europei

I ricercatori europei hanno fatto una scoperta degna di nota sviluppando una sorgente laser con i parametri di prestazione richiesti dal mercato. Essa può portare a nuove applicazioni mediche, sia in ambienti clinici che nella vita quotidiana.
Passare ai laser ultraveloci europei
La tecnologia a laser ultraveloce nella gamma di multi-femtosecondi offre una velocità sorprendente. Un femtosecondo è un quadrilione, ovvero un milionesimo di un miliardesimo di un secondo. Normalmente usati per la ricerca scientifica, i laser ultraveloci offrono anche vantaggi per molte applicazioni commerciali.

Tuttavia, finora le caratteristiche chiave dei sistemi laser a femtosecondi sono state difficili da ottenere. Lo scopo del progetto ULTRATUNE ("High-power, low-noise, ultrafast tunable laser sources using supercontinuum generation"), finanziato dall'UE, è stato quello di ricercare e sviluppare un nuovo laser a impulsi da utilizzare nelle applicazioni biomediche.

Lo sviluppo di tali laser ultraveloci ha un valore altamente pratico nell'evoluzione di numerose aree scientifiche e mediche, e in particolare per la biofotonica, i metodi diagnostici non invasivi e la chirurgia nano-risolta. Sfruttando gli ultimi sviluppi nei laser a stato solido e i recenti avanzamenti nelle tecnologie delle fibre, il progetto ULTRATUNE potrebbe offrire la nuova architettura necessaria ad alte prestazioni.

Usando questo approccio, il progetto ha sviluppato una sorgente laser compatta, economicamente accessibile e ultraveloce, ad elevata potenza e a bassa rumorosità, caratteristiche non ottenibili mediante le tecniche attuali. Tali prestazioni migliorate hanno risvegliato un significativo interesse nella comunità del laser relativamente alla nuova tecnologia ultraveloce sintonizzabile.

Inoltre, il primissimo prototipo del nuovo laser con la sua nuova tecnologia è stato installato in un laboratorio di ricerca europeo. Utilizzando il nuovo sistema, i ricercatori hanno già ottenuto i primi risultati estremamente promettenti in un'applicazione su microscopio non lineare per ottenere immagini ottiche tridimensionali (3D) di cellule viventi.

I vantaggi per la medicina in particolare e le nostre vite quotidiane in generale potrebbero essere notevoli una volta sfruttato completamente il potenziale della nuova tecnologia.

Informazioni correlate