Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tecniche di filtrazione per prevenire le infezioni ospedaliere

L'aria degli ambienti ospedalieri può contenere germi e altri pericoli. Un nuovo sistema di filtrazione efficace sotto il profilo dei costi è in grado di prevenire le infezioni e di aumentare pertanto il livello di sicurezza delle strutture ospedaliere.
Tecniche di filtrazione per prevenire le infezioni ospedaliere
Questi ambienti possono trasformarsi in veri e propri luoghi pericolosi, che ospitano germi nocivi e difficili da sconfiggere. Il 10 % circa dei pazienti europei contrae infezioni presso gli ospedali in cui sono ricoverati che talvolta si rivelano difficili se non impossibili da curare, causando una quantità stimata di 50 000 decessi all'anno nel vecchio continente. Inoltre, queste infezioni aumentano la durata delle degenze, determinando una spesa annua di circa 17 miliardi di euro per i sistemi di assistenza sanitaria europei. La dispendiosità delle misure standard per il trattamento dell'aria ospedaliera determina una limitazione del loro utilizzo alle sole aree critiche.

Il progetto HAIFREE, finanziato dall'UE, sta lavorando allo sviluppo di un nuovo sistema di filtrazione in grado di intrappolare e distruggere in modo economico i germi aerotrasportati. I ricercatori si sono prefissati l'obiettivo di creare un sistema di filtrazione dell'aria ospedaliera "installa e dimentica" basato su una combinazione di tecnologie germicide, tra cui l'elettroprecipitazione, le superfici antibatteriche e l'ozono per la bruciatura dei germi. Tali tecniche ridurrebbero il 99,9 % delle particelle dei germi e il 95 % dei composti organici volatili (COV). L'ozono elimina gran parte dei prodotti di scarto, ad eccezione del biossido di carbonio e dell'acqua, risolvendo nel contempo problemi di ostruzioni grazie a pratiche di manutenzione più semplici.

I traguardi scientifici raggiunti nell'ambito dell'iniziativa HAIFREE per il periodo di rilevazione hanno condotto a un aumento sostanziale della comprensione delle proprietà dei patogeni aerotrasportati e allo sviluppo di nuove tecniche di gestione. I membri del progetto sono stati inoltre in grado di identificare variabili tecniche rilevanti che influiscono sulle prestazioni e sulla sicurezza delle unità di filtrazione.

Oltre a prefiggersi obiettivi scientifici, il progetto ha tentato di creare e di convalidare un prototipo del sistema, che è stato installato e testato in un ambiente chirurgico dell'ospedale San Pedro, a Logrono in Spagna, registrando risultati promettenti. Il prototipo ha dimostrato di ridurre l'esposizione ai COV e alla contaminazione degli agenti patogeni senza produrre residui pericolosi o perdite di ozono.

I membri del progetto hanno divulgato le informazioni ottenute nell'ambito delle attività svolte nel corso di varie conferenze, workshop e fiere commerciali che contribuiranno all'identificazione di potenziali partner tra le piccole e medie imprese (PMI) ai fini di una completa commercializzazione della tecnologia in varie fasi.

I risultati raggiunti nell'ambito dell'iniziativa HAIFREE condurranno a una riduzione delle infezioni causate dagli ambienti ospedalieri, determinando un contenimento dei periodi di degenza, nonché a cure più efficaci con importanti vantaggi dal punto di vista sanitario. Queste tecnologie possono inoltre essere impiegate in altri luoghi in cui si rende necessaria la filtrazione dell'aria, quali ad esempio i sistemi di scappamento dei ristoranti e dei laboratori, anch'essi talvolta causa di problemi respiratori.

Informazioni correlate