Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

LOCALISE — Risultato in breve

Project ID: 266768
Finanziato nell'ambito di: FP7-SSH
Paese: Germania

Aiutare i gruppi svantaggiati tramite una politica locale integrata

Un esame delle sfide delle politiche sociali e dell’occupazione integrate rivela i cambiamenti radicali che avvengono nella gestione della coesione sociale.
Aiutare i gruppi svantaggiati tramite una politica locale integrata
L’integrazione di campi politici tradizionalmente sviluppati in modo separato è stata concepita allo scopo di offrire benefici ai gruppi sociali più vulnerabili e di soddisfare i bisogni diversificati di questi individui. Un simile approccio introduce dinamiche positive incentrate sulla promozione della coesione sociale, sulla riduzione delle disuguaglianze e sul potenziamento della partecipazione al mercato del lavoro. Tuttavia, è necessario considerare l’impatto differenziale delle politiche sociali e occupazionali integrate, dal momento che le attività istituzionali e i modelli degli Stati membri sulle disuguaglianze regionali integrano misure di attivazione locali.

Il progetto LOCALISE (“Local worlds of social cohesion. The local dimension of integrated social and employment policies”), finanziato dall’UE, si è concentrato su tali sfide. I membri del progetto hanno adottato un approccio teorico e metodologico comune per guidare la ricerca e creare una massa critica di conoscenze nelle principali aree tematiche. Uno dei filoni del loro lavoro era incentrato sullo studio delle entità locali in sei Stati europei (Germania, Francia, Italia, Polonia, Svezia e Regno Unito), ovvero sull’analisi della gestione delle sfide correlate a una politica di coesione sociale integrata da parte di queste realtà locali.

In seguito alla conduzione di uno studio comparativo dei contesti normativi nazionali, l’iniziativa LOCALISE ha analizzato l’attuazione di politiche di coesione sociale a livello locale, identificando modalità di governance specifiche delle singole realtà. I ricercatori hanno condotto non solo interviste esperte tra i soggetti locali interessati coinvolti nei meccanismi di governance delle proprie realtà, ma anche veri e propri servizi pubblici.

I risultati degli studi di casi indicano tendenze sempre più incentrate sull’integrazione dei campi politici, specialmente per quel che concerne le misure in materia di formazione. Dagli altri traguardi raggiunti emerge un maggior riconoscimento dell’importanza della puericultura nell’ambito del raggiungimento dell’integrazione nel mercato del lavoro. Gli esperti hanno inoltre osservato la presenza di varianze, anche a livello nazionale, relative all’integrazione dei servizi sociali nelle aree politiche della salute, dell’edilizia abitativa e dell’assistenza sociale.

Quanto ai gruppi svantaggiati, la partecipazione al mercato del lavoro dipende dall’offerta di servizi sociali, sebbene il livello di integrazione registri differenze significative tra il settore dello sviluppo e quello dell’attuazione delle politiche. Un altro dato interessante relativo ai paesi coinvolti consisteva nel fatto che le politiche occupazionali rimangono confinate a un livello nazionale, mentre quelle correlate all’assistenza e ai servizi sociali trovano solitamente attuazione a livello locale.

Le considerazioni sull’aumento della disoccupazione e delle disuguaglianze in termini di reddito, tra le altre cose, spingono ad adottare un atteggiamento conciliativo tra le politiche sociali e quelle occupazionali. La ricerca condotta da LOCALISE mette quindi in luce i vantaggi derivanti da un collegamento tra lo sviluppo politico e l’offerta di servizi in base a modalità in grado di sostenere l’attivazione di cittadini vulnerabili a livello locale.

Informazioni correlate

Keywords

Gruppi svantaggiati, politiche sociali e dell’occupazione, coesione sociale, amministrazione locale, inclusione attiva