Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

MICCS — Risultato in breve

Project ID: 222204
Finanziato nell'ambito di: FP7-SME
Paese: Danimarca

Analisi più veloci del suolo e delle falde acquifere inquinate

Sempre più persone credono che le risorse naturali debbano essere mantenute intatte e che l'inquinamento del suolo e delle falde acquifere sia inaccettabile. Come parte dell'impegno europeo verso la protezione ambientale, un'iniziativa finanziata dall'UE ha sviluppato un metodo veloce e affidabile per analizzare i siti contaminati.
Analisi più veloci del suolo e delle falde acquifere inquinate
Le ricerca sui siti contaminati ha coinvolto tradizionalmente l'esecuzione di fori verticali nel suolo per la raccolta di campioni da sottoporre ad analisi. Questa tecnica è costosa e richiede tempo, e per offrire dati aggiuntivi richiede l'effettuazione di più perforazioni. Questi svantaggi sono stati affrontati grazie a un'iniziativa finanziata dall'UE che ha sviluppato una tecnica avanzata in loco.

Il progetto MICCS ("Methodology for fast and reliable investigation and characterization of contaminated sites") ha sviluppato un metodo più avanzato per il riconoscimento delle sostanze inquinanti, che è risultato più veloce e affidabile. I ricercatori hanno usato una nuova tecnologia di sonde con componenti organici volatili estremamente sensibili, e li hanno combinati a tecniche di georadar (GPR) migliorate.

Il sistema di sonde MICCS è stato progettato per l'utilizzo in perforazioni soniche veloci, che hanno richiesto un design innovativo high-tech che protegge i componenti nella sonda del sensore. Le sonde possono essere utilizzate per la raccolta di campioni di suolo o per la ricerca diretta fisica-geotecnica, oppure per la raccolta di campioni di aria attraverso le membrane posizionate sulla sonda.

Le misurazioni dei sensori e del GPR hanno fornito dati online più accurati e veloci per i siti inquinati rispetto al tradizionale metodo di perforazione. I partner del progetto hanno inoltre sviluppato un software per controllare la sonda MICCS, per catalogare i risultati, per visualizzare online i risultati del sensore e per calcolare la concentrazione di inquinanti.

I dati combinati raccolti ed elaborati con il sistema MICSS possono essere usati per tracciare un quadro generale più preciso del sito contaminato. Questo grazie alle misurazioni dei sensori che forniscono un input molto più accurato attraverso l'analisi chemometrica, offrendo una base solida per prendere decisioni migliori.

Inoltre, poiché il metodo di ricerca è più semplice e più veloce da usare rispetto ai metodi di ricerca attuali, risulta più economico. Pertanto, i risultati di MICCS aiuteranno a proteggere l'ambiente naturale, la salute e il benessere umani attraverso tecniche di implementazione e bonifica più veloci e meno costose.

Informazioni correlate