Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Rendere più sicuri il restauro e la pulizia delle opere d’arte

Un team UE ha sviluppato un protocollo consistente in nuovi metodi e tecnologie per il restauro e la conservazione del patrimonio culturale. Il risultato chiave è stato un dispositivo al plasma che aiuta la pulizia e segna in modo invisibile manufatti con inchiostro speciale.
Rendere più sicuri il restauro e la pulizia delle opere d’arte
Le attuali linee guida sulla conservazione o sul ripristino dei beni culturali favoriscono la conservazione attraverso il controllo ambientale. Eppure, i curatori devono spesso applicare materiali protettivi in aggiunta, il che comporta rischi e richiede notevoli riflessioni.

Il progetto PANNA (Plasma and nano for new age “soft” conservation), finanziato dall’UE, si è impegnato ad assistere i restauratori con un protocollo innovativo. Le linee guida, per tutta la vita utile, raccomandano vari metodi per la pulizia, la protezione e la rimozione completamente reversibile del rivestimento. Le proposte sono anche a basso costo e di lunga durata. PANNA ha inoltre sviluppato un sistema supplementare per contrassegnare in modo invisibile manufatti con inchiostri fluorescenti a raggi ultravioletti (UV) che sfruttano un dispositivo al plasma atmosferico. Altri risultati di successo hanno incluso rivestimenti autodiagnostici idrorepellenti. Infine, il progetto ha testato e convalidato applicazioni per il patrimonio culturale, in particolare per quanto riguarda pitture in pietra, metallo e murali.

I lavori sono iniziati con il test di cinque torce al plasma disponibili in commercio per le applicazioni di pulizia. I risultati hanno mostrato i pericoli del calore eccessivo. Gli elettrodi a caldo sono in grado di produrre gocce di metallo fuso, e anche le alte temperature del substrato o trattamenti eccessivamente lunghi possono causare danni.

Il team ha prodotto un getto di plasma portatile prototipo, consentendo la rimozione di sostanze organiche o metallo corroso. Il getto senza contatto è stato ecologico, e non ha causato alcun danno termico, meccanico o chimico ai manufatti. Lo stesso dispositivo è in grado di depositare sigle invisibili di identificazione e rivestimenti protettivi. PANNA ha brevettato con successo e commercializzato la tecnologia.

I ricercatori hanno anche sviluppato nuovi rivestimenti idrofobi tra cui solventi, acqua o metodi di trattamento a base di raggi UV. I rivestimenti possono essere rimossi con plasma atmosferico. Lo sviluppo include coloranti fluorescenti, i cui colori variabili indicano l’invecchiamento del rivestimento o il controllo della qualità post-applicazione. Tali risultati sono stati anche commercializzati con successo.

Tutte le nuove tecnologie sono state combinate in un sistema dimostrativo e testati nelle applicazioni del patrimonio culturale. I membri del team hanno indicato il dimostratore a vari eventi e workshop. Il protocollo si è rivelato migliore rispetto alle metodologie standard, mentre il getto di plasma non presenta alcun rischio per gli operatori.

Gli sviluppi di PANNA significano sforzi più sicuri e affidabili nella conservazione e protezione di manufatti culturali vulnerabili. Il sistema è anche commercializzabile in un settore piccolo ma redditizio.

Informazioni correlate

Keywords

Restauro, patrimonio culturale, conservazione, dispositivo al plasma, manufatti, PANNA