Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

DRIVE-AB — Risultato in breve

Project ID: 115618
Finanziato nell'ambito di: FP7-JTI
Paese: Svezia
Dominio: Salute, Società, Tecnologie industriali

Raccomandazioni su come guidare il settore della R&S degli antibiotici e contribuire a combattere la resistenza antimicrobica

La resistenza agli antibiotici è una delle più grandi minacce alla salute globale, ed è in costante peggioramento. L’innovazione in questo settore è carente poiché sono poche le grandi aziende farmaceutiche disposte a investire in R&S come risultato di rendimenti bassi a fronte di rischi elevati.
Raccomandazioni su come guidare il settore della R&S degli antibiotici e contribuire a combattere la resistenza antimicrobica
Si stima che la resistenza ai farmaci antibatterici costa all’UE almeno 1,5 miliardi di euro e circa 25 000 vite ogni anno. Lo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento delle infezioni resistenti è in ritardo. Nuovi modelli economici che offrano incentivi che sostengano direttamente la ricerca e lo sviluppo e premino i risultati positivi ottenuti dalla ricerca e sviluppo per la scoperta e lo sviluppo di nuovi antibiotici sono da tempo in attesa. Questi modelli dovranno anche conciliare tali incentivi con un uso e accesso responsabile agli antibiotici.

Il progetto DRIVE-AB, finanziato dall’UE e dall'industria, ha mirato a «trasformare il modo in cui i politici stimolano l’innovazione antibiotica, garantendo al contempo che questi nuovi antibiotici vengano utilizzati in modo sostenibile e siano equamente disponibili per soddisfare le esigenze della salute pubblica», afferma Judith Hackett, coordinatrice del progetto. Per realizzare raccomandazioni politiche e incentivare la ricerca e lo sviluppo di antibiotici, DRIVE-AB ha utilizzato un approccio multidisciplinare basato sulla ricerca che ha coinvolto una vasta gamma di parti interessate, da istituzioni accademiche, a organizzazioni di ricerca e aziende farmaceutiche/biotecnologiche.

I partner del progetto hanno inoltre definito standard e parametri per l’uso responsabile degli antibiotici, identificando le priorità di salute pubblica correlate agli antibiotici, e hanno anche calcolato il valore sociale della disponibilità di nuovi antibiotici per queste priorità. Inoltre, il team del progetto ha sviluppato e finanziato nuovi modelli economici per promuovere l’innovazione antibiotica desiderata e l’uso sostenibile dei nuovi antibiotici risultanti.

Incentivi per rivitalizzare la pipeline antibiotica e stimolare l’innovazione

DRIVE-AB ha valutato oltre 30 diversi tipi di incentivi economici. Ha considerato come ciascuno di questi influirebbe sull’innovazione antibiotica, sull’uso sostenibile e sull’equa disponibilità. Uno degli incentivi principali è la remunerazione all’ingresso sul mercato, che mira a creare un mercato attraente per gli investimenti in ricerca e sviluppo sugli antibiotici, attirando l’aumento dei finanziamenti del settore privato e supportando investimenti sostenibili in R&S. Un modello sviluppato dal progetto stima che una remunerazione all'ingresso sul mercato di almeno 850 milioni di EUR per antibiotico a livello mondiale potrebbe quadruplicare il numero di nuovi antibiotici immessi sul mercato nei prossimi 30 anni.

Tra tutti gli incentivi analizzati, tre modelli aggiuntivi sono risultati i più efficaci per stimolare la R&S e garantire che gli antibiotici critici continuino ad essere accessibili e possano essere utilizzati in modo sostenibile: sovvenzioni di ricerca a fondo perduto a istituzioni accademiche, aziende e altre entità; prestiti per R&S, coordinatori di canali governativi o no profit che identificano e colmano le lacune nel canale di rifornimento degli antibiotici globale; e finanziamenti di continuità a lungo termine per garantire una fornitura prevedibile di antibiotici generici nel tempo.

Il progetto stabilisce che sono necessari 680 milioni di EUR all’anno per finanziare sovvenzioni e coordinatori di canali. Tutto questo rappresenta un aumento di circa il 50% rispetto agli investimenti pubblici attuali in ricerca e sviluppo di antibiotici eseguiti ogni anno.

Nuovi incentivi e modelli per massimizzare il settore di ricerca e sviluppo

Ogni incentivo ha lo scopo di stimolare fasi specifiche del processo R&S. Questi modelli non funzionano separatamente, ma sono progettati per essere complementari. Insieme formano un ecosistema di incentivi per massimizzare la loro efficacia nello stimolare l’innovazione garantendo al tempo stesso un uso e un accesso sostenibili.

«Non esiste una soluzione “unica per tutto” per incentivare l’innovazione antibatterica in un mercato globale con diverse esigenze, sistemi sanitari e requisiti di accesso insoddisfatti», spiega Hackett. «Alla fine sarà richiesto un menu di incentivi che possa essere adattato a un contesto locale, raggiungendo comunque l’obiettivo di stimolare l’innovazione antibatterica».

«Sviluppando e testando nuovi modelli economici per lo sviluppo e l’uso di antibiotici, DRIVE-AB aiuterà a rinvigorire gli investimenti in questo settore», conclude il dott. Hackett. «I governi e i responsabili delle politiche devono agire subito per implementare questi incentivi e contrastare una delle tre maggiori minacce alla salute pubblica, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità».

DRIVE-AB è stato finanziato dall'Iniziativa sui medicinali innovativi, un partenariato pubblico-privato tra l'UE e l'industria farmaceutica europea.

Informazioni correlate

Keywords

DRIVE-AB, antibiotici, incentivi, R&S di antibiotici, resistenza agli antibiotici, innovazione antibiotica, resistenza ai farmaci antibatterici