Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

L'UE e la politica spaziale

La Commissione europea ha realizzato una versione per il pubblico della propria recente comunicazione in merito all'UE e alla politica spaziale, nell'intento di descrivere una politica spaziale per l'Unione europea rivolta, in particolare, all'incoraggiamento delle applicazion...
La Commissione europea ha realizzato una versione per il pubblico della propria recente comunicazione in merito all'UE e alla politica spaziale, nell'intento di descrivere una politica spaziale per l'Unione europea rivolta, in particolare, all'incoraggiamento delle applicazioni, dei mercati e della competitività industriale.

La Commissione propone alcune priorità per l'azione dell'UE che tengono conto della recente evoluzione nel settore e si basano sull'idea che la stessa Commissione circa la parte che l'UE potrà svolgervi. Qui di seguito vengono indicate le principali linee d'azione:

- Telecomunicazioni spaziali: sviluppare un ambiente favorevole per l'industria europea, quanto a legislazione e norme, e sostenere lo sviluppo di nuove tecnologie attraverso sforzi di R&S;
- Navigazione spaziale: garantire che l'Europa abbia una forte tecnologia in questo campo sviluppando e dimostrando nuove applicazioni, riunendo i potenziali utenti e promuovendo sforzi di R&S pertinenti;
- Osservazione della terra: l'azione dovrebbe concentrarsi sulla dimostrazione di nuove applicazioni con pertinenti sforzi di R&S per sostenerla, che coinvolgano gli utenti.

Oltre a questi tre settori, la Commissione europea intende utilizzare le proprie competenze in aree quali commercio estero, mercato interno e cooperazione internazionale per coprire aspetti orizzontali assicurando, in tal modo, una forte presenza europea nel campo dei servizi di lanci spaziali, della normalizzazione di componenti spaziali e della realizzazione di attività cooperative con i paesi terzi. La Commissione ha inoltre l'intenzione di incoraggiare un approccio coordinato alle tecnologie a doppio uso, di studiare come migliorare i meccanismi di finanziamento e di rafforzare i legami con l'Agenzia spaziale europea.


Fonte: Commissione europea, DG XIII