Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Migliorare la gestione dei programmi di ricerca comunitari

La Commissione europea e i Ministri per la Ricerca degli Stati membri hanno convenuto su una strategia intesa a migliorare la gestione dei programmi di ricerca comunitari. Edith Cresson, il commissario responsabile per la ricerca, l'innovazione, l'istruzione, la formazione e l...

La Commissione europea e i Ministri per la Ricerca degli Stati membri hanno convenuto su una strategia intesa a migliorare la gestione dei programmi di ricerca comunitari. Edith Cresson, il commissario responsabile per la ricerca, l'innovazione, l'istruzione, la formazione e la gioventù ha presentato i programmi della Commissione volti a migliorare la gestione nell'ambito del prossimo quinto programma quadro di RST ad un incontro ministeriale tenutosi a Londra il 28 aprile 1998. I ministri hanno encomiato i passi che la Commissione ha già compiuto per migliorare la gestione dei programmi di ricerca, tuttavia John Battle, il Ministro per la Scienza, l'Energia e l'Industria del Regno Unito, che ha presieduto l'incontro in qualità di Presidente in carica del Consiglio di ricerca ha affermato "contemporaneamente abbiamo inviato un segnale forte sulla necessità che la Commissione si sforzi continuamente a migliorare la gestione del programma e a fornire una relazione più chiara dei risultati e degli impatti del programma in modo da accrescere la comprensione dei traguardi raggiunti dagli europei." Secondo il Battle, "questo incontro palesa l'importanza che attribuiamo nel garantire che i fondi destinati alla ricerca europea vengano utilizzati effettivamente per fornire ai nostri ricercatori un sistema di facile accesso che sia gestito in modo efficace, lasciando quanto più denaro possibile a disposizione affinché la ricerca reale venga eseguita." I dibattiti per migliorare la gestione dei programmi di ricerca europei sono aumentati con l'intensificarsi della preparazione del quinto programma quadro. Negli ultimi anni, la Commissione ha introdotto diverse misure atte a migliorare la gestione dei programmi, tuttavia il rilievo e l'ordine dei programmi, in particolare nel presente clima di rigore di bilancio, significa che gli inviti a migliorare la propria gestione sono onnipresenti. Il Consiglio di ricerca del 10 novembre 1997, nel discutere le proposte per il Quinto programma quadro, ha richiesto un esame allo scopo di accrescere l'efficacia dell'attuazione e della gestione dei programmi. L'incontro si è tenuto per lanciare questo esame e dovrebbe veder introdotte nel quinto programma quadro delle misure concrete. Il commissario Cresson ha presentato un ventaglio di nuove misure che la Commissione propone di introdurre per il nuovo programma; ha sottolineato il valore dei programmi di ricerca comunitari nel condurre un eccellente lavoro scientifico e nel garantire valore aggiunto a livello europeo. Ha anche messo in evidenza che la Commissione aggiorna continuamente le procedure di gestione nel rispetto dell'attuazione dei programmi di ricerca. Gli elementi chiave della proposta avanzata dalla Cresson comprendono: - le prestazioni della Commissione raffrontate a quelle di altre organizzazioni impegnate nel gestire la ricerca saranno controllate mediante un regolare esercizio di benchmarking. Un recente studio esterno sui costi di personale ed amministrativi ha dimostrato che i costi della Commissione reggono il confronto con altre organizzazioni di ricerca nazionali ed internazionali; - scienziati, industriali e utenti saranno più coinvolti nell'attuazione dei programmi. Saranno creati gruppi consultivi esterni, per fornire consigli sulla direzione e sulle priorità di ricerca per le aree chiave del programma. Inoltre, saranno combinati i due organismi consultivi esistenti, vale a dire IRDAC (ricerca industriale) e ESTA (ricerca accademica); - la Commissione lavorerà anche per migliorare la trasparenza e semplificare le procedure successive, prevedendo tra l'altro esperimenti pilota, quali offrire maggiore autonomia alle istituzioni ospite per la gestione delle indennità di mobilità per i ricercatori. Questioni legate alla gestione saranno discusse in modo più approfondito come parte del dibattito sui programmi specifici. I programmi della Commissione prevedono di avanzare proposte legislative nei prossimi mesi, con il nucleo delle discussioni in Parlamento e al Consiglio probabilmente rimandate all'autunno 1998, al fine di poter passare all'adozione formale in tempo utile per il primo invito a presentare proposte che sarà lanciato entro la fine del 1998 o nei primi mesi del 1999.